Mille bolle!

“Festa di bolle di sapone, matematica e premi”. Seminario presso la Facoltà di Scienze MM. FF. NN. dell’Università Federico II di Napoli.

Un seminario interamente dedicato alle Soap Bubbles.
Presso la Facoltà di Scienze MM. FF. NN. dell’Università Federico II di Napoli, all’interno di un ciclo d’incontri multidisciplinari dal titolo “La scienza plurale” si terrà l’appuntamento con “Soap Bubbles and Isoperimetric Problems – Festa di bolle di sapone, matematica e premi”.
Durante il seminario, presieduto dal preside della Facoltà federiciana Roberto Pettorino, vi sarà la presentazione di alcuni studi matematici sul tema e un concorso per premiare le migliori intuizioni sul rapporto tra scienza e soap bubbles. Saranno, inoltre, prodotte delle vere e proprie bolle di sapone.
Relatore di eccellenza sarà Frank Morgan, professore di Matematica al Williams College in Massachusetts e Vice-Presidente dell’American Mathematical Society, che ha dedicato molti dei suoi lavori di ricerca al tema delle bolle di sapone. Era circa il 1884 quando lo studioso Schwarz ha mostrato che una singola bolla sferica corrisponde alla minima area per racchiudere un dato volume, si è poi dovuto aspettare il 2002 e le ricerche di Morgan con l’aiuto di un suo studente per dimostrare l’analogo risultato per due bolle che si uniscono.
Il prossimo 1 giugno tutti a fare bolle di sapone per scoprire nuove applicazioni scientifiche, ma anche per ritornare un po’ bambini!

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Ilaria Alpi: i giovani e l'informazione

Next Article

Top al made in Italy

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.