Tirocinio: un primo passo verso la via maestra

Nell’ambito dei programma di tirocinio che la Fondazione CRUI gestisce con Enti pubblici e imprese, si segnala l’opportunità di tirocinio sia presso il DPSC (Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione del Ministero dello Sviluppo Economico, ) che presso il MAE (Ministero degli Affari Esteri) .

I tirocini costituiscono il primo passo verso una conoscenza diretta e concreta del mondo del lavoro, in particolare dell’attività svolta nell’ambito delle competenze dei rispettivi Ministeri, al fine di completare e/o favorire il percorso formativo universitario dello studente o di agevolare le scelte professionali dei neo-laureati.

Entrambi programmi sono rivolti ai laureati di primo livello di laurea specialistica, magistrale e di vecchio ordinamento e ai laureandi di vecchio e nuovo ordinamento delle università italiane.

In particolare, il programma di tirocinio svolto presso il MAE rappresenta un’importante iniziativa che avvicina il mondo accademico e il mondo del lavoro (nella fattispecie quello della diplomazia e delle relazioni internazionali) offrendo a laureandi e neo-laureandi la possibilità di effettuare un periodo di formazione presso il Ministero, le sue rappresentanze diplomatiche, gli uffici consolari, le rappresentanze permanenti presso le organizzazioni internazionali e gli Istituti di Cultura.

Il bando per il DPSC uscirà il 4 settembre 2009.Iil bando per il MAE il 9 settembre 2009. Per maggiori informazioni: www.formazionepiu.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vero e falso, il cervello li distingue

Next Article

Dottorati comprati, scandalo in Germania

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.