Tirocinio in Bialetti per economisti e ingegneri

La Bialetti, azienda leader nella produzione di macchinette da caffè, sta cercando stagisti da inserire nella Direzione Finance in affiancamento al Controller Operations.
Il tirocinante avrà l’opportunità di seguire un progetto d’implementazione del sistema di costing dei costi di produzione, fornendo supporto nell’elaborazione dei report mensili per monitorare le performance di acquisti, supply chain, costi fissi industriali e overhead.
Al termine del periodo di stage, la risorsa avrà acquisito competenze sulla’area controlling dei costi industriali diretti e indiretti, capacità di analisi dei costi di prodotto, dei costi logistici con logiche di attribuzione prodotto/canale, dei costi overheads.
Il candidato ideale, brillante laureando/neolaureato in Economia o Ingegneria Gestionale, possiede ottime capacità di risoluzione di problematiche e di carattere organizzativo; uno spiccato orientamento al risultato e un forte spirito d’innovazione. Completano il profilo buone capacità relazionali per lavorare in un team consolidato e interfacciarsi con tutti i livelli delle funzioni aziendali.
Costituisce titolo preferenziale un’ottima conoscenza della lingua inglese. Per candidarsi all’offerta è necessario www.bialetticareers.com.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Si scrive "laurea", si legge "degree"

Next Article

Animatori, Holiday Service cerca ancora

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.