Tirocini MAE: in 583 a Roma e in tutto il mondo

Al via il Primo Bando MAE – Fondazione CRUI, grazie al quale 583 giovani universitari avranno la possibilità di svolgere un periodo di tirocinio presso le sedi MAE (Ministero degli Affari Esteri) di tutto il mondo.
Il bando resterà aperto fino all’11 febbraio ed è rivolto ai laureati di primo livello e ai laureati e laureandi di specialistica e di vecchio ordinamento delle 67 Università che aderiscono al programma. Queste avranno il compito di curare la fase di preselezione, alla quale seguirà una valutazione da parte del Ministero degli Esteri e della Fondazione CRUI.
Gli stagisti destinati all’estero saranno 242 in Europa, 49 in America del Nord, 59 in America del Centro-Sud, 37 in Africa, 29 in Asia, 8 in Oceania, 15 in Medio Oriente. I rimanenti trascorreranno il periodo di formazione e lavoro presso le sedi di Roma. Lo stage durerà 3 mesi, prorogabili fino a 4, con inizio previsto per il 4 maggio.
I profili richiesti sono diversi: per tutti l’obiettivo è quello di acquisire una conoscenza diretta con il mondo del lavoro ed in particolare delle attività del Ministero degli Esteri e delle dinamiche della diplomazia internazionale.

Il Bando non si rivolge solo agli universitari dei corsi di laurea di stampo giuridico, economico ed umanistico ma anche a quelli provenienti da diverse facoltà scientifiche. Sul sito www.formazionepiu.it lo si può visualizzare in forma completa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tecnologie emergenti per la Difesa

Next Article

A Roma i giovani artisti si incontrano al MarteLive

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.