Test in sicurezza, il vademecum dell’Udu spiega come fare

Come affrontare il test in sicurezza? L’Unione degli Universitari ha realizzato un vademecum2011 per le future matricole che da oggi proveranno ad entrare nelle diverse facoltà.

Come affrontare il test in sicurezza? L’Unione degli Universitari ha realizzato un vademecum2011 per le future matricole che da oggi proveranno ad entrare nelle diverse facoltà. La vera sfida sarà però domani, martedì 4 settembre, quando partiranno le prove nazionali di ammissione ai corsi ad accesso programmato. E il primo scoglio sarà per i futuri medici.

Il vademecum oltre ad introdurre i ragazzi nel mondo del numero chiuso, spiega anche cosa deve accadere in aula affinché il test sia regolare e mette in guardia da eventuali comportamenti sospetti. Qualora, poi, qualche concorrente decidesse di fare ricorso, l’Udu illustra i tempi per impugnare l’atto.

“Anche quest’anno saremo fisicamente al fianco degli studenti – spiega Michele Orezzi, coordinatore dell’UDU – per dar loro supporto sia per quanto riguarda l’avvicinamento al test, sia per il supporto legale in caso di errori evidenti nella stesura dei test d’ingresso o nel loro svolgimento. Come ogni anno abbiamo preparato un vademecum in cui spieghiamo come affrontare il test, quali regole devono essere rispettate e saremo davanti ad ogni aula dove si effettuerà il test per distribuirlo agli studenti e alle loro famiglie prima della prova”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test d'ingresso, il Codacons a Monti: "Bisogna eliminarli"

Next Article

Edilizia sostenibile, premiati i giovani federiciani

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"