Teramo, detenuto si laurea con tesi sulla zootecnia del Camerun

Mabouka Mabouka Gerome, detenuto nella Casa Circondariale di Teramo, discuterà la sua tesi di laurea dal titolo “Lo stato della zootecnia in Camerun e la possibilità di sviluppo delle produzioni lattiero-casearie”.

Per l’occasione, dopo la discussione della tesi, il rettore Dino Mastrocola firmerà accordi tra l’Università di Teramo e il Provveditorato dell’Amministrazione Penitenziaria Lazio-Abruzzo-Molise, la Casa Circondariale di Teramo e la Casa di Reclusione di Sulmona, per le attività del Polo Penitenziario Universitario.

Seguirà una tavola rotonda introdotta da Claudio Lo Sterzo delegato del rettore alla Conferenza Nazionale dei Poli Universitari Penitenziari e moderata da Angela Trentini giornalista e autrice del libro La speranza oltre le sbarre. Viaggio in un carcere di massima sicurezza.

Dopo le testimonianze di Girolamo Casella e Santo Le Pera rispettivamente studente e laureato del Polo Penitenziario Universitario di Teramo, interverranno: Franco Prina coordinatore della Conferenza Nazionale dei delegati dei Rettori per i Poli Universitari Penitenziari, Carmelo Cantone provveditore dell’Amministrazione Penitenziaria Lazio-Abruzzo-Molise, Stefano Liberatore direttore della Casa Circondariale di Teramo, Sergio Romice direttore della Casa di Reclusione di Sulmona, Elisabetta Santolamazza e Fiorella Ranalli rispettivamente delle aree trattamentali della Casa Circondariale di Teramo e della Casa di Reclusione di Sulmona e Alfonsina Nazzaro docente dell’Istituto Tecnico per Geometri “Oscar D’Agostino” di Avellino.

“L’evento – ha spiegato Claudio Lo Sterzo – è parte della crescente attività dell’Ateneo di Teramo nei luoghi di reclusione, come occasione di riscatto e riconquista – attraverso la conoscenza e la cultura – di dignità e futuro in esistenze compromesse da errori e cadute”.

Total
3
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Data science sustainability challenge: due studenti italiani vincitori del contest di Microsoft, Capgemini e ÖBAG

Next Article

Corso-concorso di formazione dirigenziale al Ministero della Cultura

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).