Tensione a Torino per il G8 dei rettori

foto1.jpgIl day-after (che ancora totalmente after non è) si parla di un problema di comunicazione. L’errore insomma starebbe tutto nella denominazione: G8 delle università, che avrebbe potuto senza problemi chiamarsi Summit ed evitare di evocare un incontro che nella mente dei più giovani resta inevitabilmente legato ai fatti di Genova del 2001.

Dopo gli scontri di ieri, si teme molto per la giornata di oggi. Ma almeno il primo rischio di tafferugli alla stazione di Milano è stato scampato: infatti si è risolta pacificamente la partenza degli studenti milanesi dalla Stazione Centrale verso Torino per partecipare alla manifestazione nazionale di protesta. I ragazzi hanno infatti pagato interamente la tariffa del biglietto con lo sconto comitiva previsto da Trenitalia per i gruppi di oltre 50 persone. Il treno regionale, che in circa due ore li porterà nel capoluogo piemontese, è partito con 20 minuti di ritardo, solo perché all’ultimo momento il numero degli studenti non tornava.

Ma per il momento la situazione davanti all’Università di Torino è tranquilla. Nell’isola pedonale antistante palazzetto Aldo Moro, quartier generale dell’Onda anomala che protesta contro il summit, ci sono già alcune centinaia di persone. Sono arrivati nella notte i pullman dal resto d’Italia (sei da Roma e quattro da Napoli). Tante le bandiere rosse, con falce e martello, e i fischietti colorati. Le forze dell’ordine, presenti in gran numero, controllano la situazione e presidiano lungo il percorso i possibili bersagli della contestazione studentesca, tra cui il Rettorato della vicina via Po.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pisa, cresce il risparmio energetico

Next Article

Hostess e steward per Copat

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".