Tecnico della sicurezza sul Lavoro

SINTESI SpA Società leader a livello nazionale nei settori della Prevenzione e Protezione dai Rischi nei Luoghi di Lavoro, ricerca Tecnico della sicurezza sul lavoro.

SINTESI SpA Società leader a livello nazionale nei settori della Prevenzione e Protezione dai Rischi nei Luoghi di Lavoro, della progettazione e assistenza tecnica, legale ed amministrativa per la gestione, implementazione, certificazione e controllo dei sistemi organizzativi aziendali, ricerca  un tecnico sicurezza sul lavoro (Rif. TECOP).

Il candidato dovrà svolgere attività tecniche per servizi relativi agli adempimenti previsti dal D.Lgs. 81/08 negli ambienti di lavoro e nei cantieri.

Requisiti

Laurea in Tecniche della Prevenzione negli ambienti di lavoro o Laurea in Ingegneria Ambiente e Territorio, meccanica, elettrica o chimica.  Completano il profilo buona conoscenza dei principali supporti informatici, buona predisposizione al team working, ottime capacità relazionali ed organizzative.

Disponibilità a viaggiare.

Sede di lavoro:   Roma

Gli interessati, ambosessi (L. 903/77), possono inoltrare la propria candidatura, con riferimento TECOP, a [email protected]t.

Si invitano i candidati a consultare l’informativa ex D.lgs. 196/03 (privacy). Sintesi SpA Viale Castello della Magliana, 75 00148 Roma (RM) Italia tel. 06-65.66.221 fax 06-65.66.22.25

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Economia e Finanza, in Campania la Scuola d’eccellenza

Next Article

Opportunità nella comunicazione digitale

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.