Tecla, 4 borse per laureati sanniti

La Provincia di Benevento e Tecla (Associazione di Enti locali che si occupa di relazioni transnazionali europee) bandiscono un concorso per titoli e colloquio per l’assegnazione di quattro borse di studio, per un importo di 3.200 euro lordi ciascuna, della durata di 4 mesi, nel corso dell’anno 2009/2010, da fruire presso Spazio Europa Upi-Tecla a Bruxelles.
Il Bando, pubblicato a cura della Provincia, resta aperto sino al 15 settembre. Il Concorso è riservato a cittadini sanniti di massimo 30 anni di età, in possesso di Laurea in Giurisprudenza, Scienze Politiche, Economia e Commercio, Ingegneria o equipollenti (saranno esclusi coloro che hanno conseguito la laurea breve), con votazione non inferiore a 100 ed esperti di tematiche comunitarie e/o internazionali e con buona conoscenza della lingua francese e/o inglese.
Le domande, redatte in carta semplice e corredate di curriculum vitae, devono pervenire mediante raccomandata a/r in busta chiusa all’Associazione Tecla (Via Boncompagni n. 93, 00187 Roma) entro il termine perentorio delle ore 13.30 del giorno 15.09.2009.
Le Borse di Studio sono finanziate con risorse della Provincia di Benevento. Ciascun borsista verrà inquadrato dall’Associazione Tecla come collaboratore a progetto e la stessa si farà carico di trasferire a ciascun borsista la somma di 800,00 euro lordi mensili, per quattro mesi, al lordo delle ritenute. Maggiori informazioni e il bando completo sono disponibili sul sito dell’Associazione Tecla all’indirizzo: www.tecla.org

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Animatori all'estero anche in autunno

Next Article

Cattolica di Roma, laurea in Personal Trainer

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.