Cattolica di Roma, laurea in Personal Trainer

personaltrainer.jpgUn corso di laurea magistrale per diventare Personal Trainer: è questa la novità nell’offerta formativa per l’anno accademico 2009-2010 della sede di Roma dell’Università Cattolica. Il corso in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate servirà a formare «una nuova figura professionale – spiega una nota della Cattolica – con competenze specifiche e qualificate che, affiancando il medico, sia in grado di programmare e gestire attività motoria e sportiva per soggetti sani di tutte le età, per persone con patologie croniche o internistiche e per soggetti con disabilità per il raggiungimento, il recupero e il mantenimento delle migliori condizioni di salute, di efficienza e di benessere psicofisico».
Per il primo anno di corso i posti disponibili sono 100 e possono presentare domanda i candidati in possesso di una laurea triennale in Scienze delle attività motorie e sportive o diploma ISEF conseguiti o da conseguire entro aprile 2010.
«L’attività motoria e sportiva, in ogni età della vita, è considerata oggi il mezzo naturale più efficace nel promuovere e mantenere lo stato di salute individuale e collettivo – spiega Paolo Zeppilli, coordinatore didattico del nuovo corso di laurea – una vera e propria medicina, che combatte i danni provocati dalla sedentarietà e dalle cattive abitudini alimentari».
Le domande di ammissione al test d’ingresso dovranno essere presentate entro il 25 settembre 2009 presso la Segreteria Studenti dell’Università Cattolica in largo Vito n.1, a Roma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tecla, 4 borse per laureati sanniti

Next Article

Guida alla Scelta - Agraria Un albo per i dottori del territorio

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.