Tasse “congelate” per gli studenti ucraini: l’iniziativa solidale dell’Università di Bologna contro la guerra

L’Alma Mater Studiorum ha deciso di rinviare fino al 30 giugno 2022 il pagamento della terza rata di iscrizione per gli studenti di nazionalità ucraina che frequentano i corsi dell’ateneo (sono 176 in tutto). Ogni sera Piazza Scaravilli, cuore della zona universitaria, si colora di giallo e blu per chiedere la pace a Kiev.

L’Università di Bologna congela le tasse universitarie per gli studenti ucraini: è una delle iniziative che l’Alma Mater Studiorum ha messo in campo per esprimere solidarietà dopo l’attacco della Russia di Putin e la guerra che ormai da due settimane sta stravolgendo le vite degli abitanti di Kiev, Mariupol e delle altre città dell’Ucraina.

A Bologna gli studenti di nazionalità ucraina iscritti sono 176, mentre quelli in mobilità (cioè che stanno svolgendo un programma di scambio con l’estero) sono 7. “Tutti sono stati prontamente contattati per email dall’ateneo ed è stato offerto loro supporto – ha spiegato il rettore Giovanni Molari –  Abbiamo incontrato una rappresentanza per raccogliere direttamente le richieste, e stiamo mantenendo con tutti un confronto costante. I nostri studenti che partecipavano a programmi di studio in Russia sono rientrati dopo pochi giorni dallo scoppio del conflitto. L’Alma Mater ha dato disponibilità al ministero dell’Università e della Ricerca ad accogliere ricercatori e studenti di nazionalità ucraina, in collaborazione con ER.GO, il Comune di Bologna e la Regione Emilia-Romagna”.

Inoltre si sta lavorando sulla formulazione dei bandi per assegnare le risorse e, con un provvedimento d’urgenza, è stata disposta l’immediata proroga della scadenza per il versamento della terza rata delle tasse studentesche al 30 giugno 2022, a vantaggio di studentesse e studenti che, per l’impatto economico e finanziario del conflitto, si trovano impossibilitati a osservare la scadenza del 15 marzo. In più ogni sera Piazza Scaravilli, nel cuore della zona universitaria di Bologna, si illumina con i colori della bandiera ucraina e della pace per sottolineare la vicinanza dell’Ateneo al popolo ucraino.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article
Prof con la valigia

Stipendio docenti, scatta il risarcimento per i precari: "Obbligo di riconoscere gli stessi scatti in busta paga dei prof assunti a tempo indeterminato"

Next Article

Alternanza scuola-lavoro, si va verso un giro di vite sui tirocini in azienda: "Serve una verifica su quanti si trasformano in un contratto"

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".