Taranto shock, raddoppiati i tumori nelle donne

“Peggiorano i dati della mortalità. Il ministro Balduzzi ci ha consegnato adesso i nuovi dati dello studio Sentieri su Taranto aggiornato al 2009. I valori sono peggiorati rispetto al 2008: l’eccesso di mortalità passa da +10% a +11% per tutte le cause, maschi e femmine”. Lo riferisce Alessandro Marescotti, presidente di Peacelink che ha incontrato il ministro della Salute Renato Balduzzi in prefettura a Taranto.

Peggiorano i dati della mortalità. Il ministro Balduzzi ci ha consegnato adesso i nuovi dati dello studio Sentieri su Taranto aggiornato al 2009. I valori sono peggiorati rispetto al 2008: l’eccesso di mortalità passa da +10% a +11% per tutte le cause, maschi e femmine”. Lo riferisce Alessandro Marescotti, presidente di Peacelink che ha incontrato il ministro della Salute Renato Balduzzi in prefettura a Taranto.

Dall’analisi di incidenza dei tumori a Taranto sulla popolazione adulta emerge che per gli uomini c’è un eccesso rispetto al resto della provincia del +30% su tutti i tumori e del +50% del tumore maligno del polmone.

Sempre negli uomini dallo studio Sentieri emerge un più 100% per il mesotelioma e per i tumori maligni del rene e delle altre vie urinarie (esclusa la vescica). Per i bambini i dati del progetto Sentieri mostrano incrementi significativi per tutte le cause nel primo anno di vita. Per le donne residenti nei comuni di Taranto e Satte, sempre a confronto con il resto della provincia, si rileva un eccesso di incidente per tutti i tumori di circa il 20%.

In particolare l’eccesso di tumori al fegato per le donne è +75%; +43% per il linfoma non Hodgkin; +80% per il corpo dell’utero superiore; +48% polmone; tumore alla mammella +24%; superiore al 100% l’incidenza del tumore allo stomaco nelle donne.

fonte: adnkronos

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pippa e il suo lato B in un libro

Next Article

Corriere dell'Università lancia: "la voce degli studenti". Oggi le nostre telecamere alla Luiss

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".