Taranto, 17enne ha un arresto cardiaco a scuola: salvato dal prof di ginnastica

Uno studente di 17 anni in arresto cardiaco salvato grazie all’intervento immediato dell’insegnante di scienze motorie. Succede a Taranto, a mezzogiorno, quando nell’istituto Iiss Pacinotti, il ragazzo comincia con i compagni a passo lento una corsa di riscaldamento durante l’ora di ginnastica.
Improvvisamente cade a terra, non risponde. Immediatamente il professore di scienze motorie Mauro Alessano si precipita su di lui. Verifica che il giovane è in arresto cardiaco, chiama il 118 e inizia subito il massaggio cardiaco. Continua ad effettuare ininterrottamente per 9 minuti le compressioni toraciche sotto la supervisione della Centrale Operativa 118 di Taranto. All’arrivo sul posto di due equipaggi del 118 mandati in codice rosso, di cui uno con infermiere e l’altro con medico e infermiere, il ragazzo viene defibrillato e stabilizzato.

Prof. Mauro Alessano intervistato dalla tv Studio100

Il cuore riprendere a battere. Trasportato in ospedale si sveglia, senza esiti neurologici. “L’insegnamento del Primo Soccorso nella scuola salva la vita. Quello che è accaduto oggi a Taranto è di straordinaria importanza perchè ci dà ragione: imparare a scuola il Primo Soccorso significa ridurre le morti evitabili”, commenta Mario Balzanelli, direttore della Centrale Operativa-Sistema 118 di Taranto e Presidente della Società Italiana Sistema 118. “Il professor  Alessano, che ogni anno promuove questi corsi nel suo istituto e a cui partecipa è la dimostrazione che per realizzare una Scuola realmente cardioprotetta, le competenze rianimatorie di base, che includono il massaggio cardiaco e la defibrillazione precoce semiautomatica, devono essere quanto prima trasferite nella scuola italiana”. “E’ urgente – conclude – addestrare i docenti su questa efficacissima competenza rianimatoria salvavita, priorità assoluta su cui sollecitare il ministro dell’Istruzione Fioramonti”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Poste Italiane cerca 1000 nuove figure per l'azienda

Next Article

Fridays for future, gli studenti in sciopero per il clima in 160 piazze: "Vogliamo scuole ecologiche"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident