Sviluppo Sostenibile con AIESEC un progetto di volontariato in Colombia

Contribuire agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile? Da oggi puoi, con AIESEC
Prendi parte al progetto di volontariato in Colombia, dal 10 Luglio al 22 Agosto, per contribuire al raggiungimento del Global Goal n°17: Partnerships for the Goals.
Hai sempre voluto un’esperienza diversa dalle altre che unisse la tua passione per il viaggio e la scoperta di nuovi posti al dare un contributo concreto al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile?
AIESEC ha attivato il progetto di volontariato “Synergy”, con durata dal 10 Luglio al 22 Agosto, a Itagui, Colombia che mira alla sensibilizzazione e al raggiungimento dell’Obiettivo n°17: Partnerships for the Goals.
Il progetto ha lo scopo di sviluppare le capacità pratiche del volontario nella creazione ed esecuzione di progetti ad impatto sociale attraverso la pianificazione di campagne marketing, lavoro amministrativo e piani di raccolta fondi per rendere l’ONG più sostenibile. Il tuo lavoro contribuirà ad aiutare l’ONG a diventare più rilevante nella comunità e più sostenibile finanziariamente.
Le maggiori attività che svolgerai sono:

  • Migliorare il processo amministrativo tramite la pianificazione e l’esecuzione di campagne marketing
  • Creare ed eseguire dei processi innovativi di fundraising
  • Pianificare le risorse finanziarie dell’ONG
  • Riportare all’ONG il tuo lavoro

La quota associativa per partecipare al programma Global Volunteer è di 300 euro. L’alloggio e un pasto al giorno sono inclusi.
Scadenza candidature: 2 Giugno 2019
Per scoprire di più sui nostri progetti e ricevere maggiori informazioni iscriviti al sito aiesec.it oppure scrivi a [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lezioni di sonno a scuola: «Dormire male fa più danni agli adolescenti del bullismo»

Next Article

Trasporti inefficienti e costosi, la denuncia degli studenti di Perugia

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.