Supercomputer conferma l'esistenza del bosone di Higgs

Per la prima volta è stata “avvistata” la particella di Dio, ossia il bosone di Higgs, grazie al quale esiste la massa. I primi dati sono stati presentati oggi a Ginevra, in un affollatissimo seminario organizzato al Cern, dai coordinatori degli esperimenti Atlas e Cms, gli italiani Fabiola Gianotti e Guido Tonelli. ANSA/ US-CERN- EDITORIAL USE ONLY

Quasi cinque anni dopo il Cern di Ginevra, un computer quantistico ha riscoperto il bosone di Higgs, la particella grazie alla quale esiste la massa. Il risultato, pubblicato sulla rivista Nature, è una prova di principio che prepara il terreno a un futuro in cui le macchine potranno essere in prima fila nell’analisi di grandissime quantità di dati. 
L’esperimento si deve al gruppo del California Institute of Technology (Caltech) guidato da Maria Spiropulu, che ha partecipato all’esperimento Cms, mentre il computer quantistico è quello realizzata dall’azienda D-Wave. La macchina ha imparato a riconoscere e a distinguere i segnali generati dal decadimento delle particelle, seguendo cioè una strada analoga a quella percorsa al Cern dalle centinaia di ricercatori degli esperimenti Atlas e Cms, condotti nel più grande acceleratore del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc). 
Non si tratta di una semplice imitazione né di una competizione fra l’uomo e la macchina, ma di preparare la strada a un futuro in cui i dati scientifici saranno così numerosi che avere a disposizione la potenza e la velocità dei computer quantistici potrà “fare la differenza” nella ricerca. Per Maria Spiropulu l’obiettivo era proprio mettere alla prova una macchina così potente: “volevo vedere se riusciva a risolvere un problema che conosco bene, come quello del bosone di Higgs”. Il futuro nel quale le macchine potranno lavorare accanto ai ricercatori è ancora piuttosto lontano, ma i risultati potrebbero avere un impatto importante anche in discipline diverse dalla fisica, come le scienze della Terra e la bioinformatica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage, volontario in Brasile con progetto Onu “Climate Action | Planet Heroes"

Next Article

Università di Torino, striscione omofobo contro nuovo corso in Storia dell'omosessualità

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".