Studenti in piazza: “Il futuro è nostro Riprendiamocelo”

choooooooooooooo.jpgIn 150mila, tutti per riprendersi il loro futuro. I numeri e gli striscioni arrivano direttamente dalle organizzazioni studentesche, quelle che ieri sono scese in piazza per protestare contro il ddl Gelmini. Il primo risultato è stato prettamente visivo: lunghi cortei, promossi da Unione degli Studenti e Link-Coordinamento Universitario, che hanno sfilato in oltre 50 città italiane.

“Scuole, università, accademie sono oggi unite per chiedere maggiori fondi sul diritto allo studio – dichiara Stefano Vitale, dell’Unione degli Studenti – vogliamo permettere a tutti gli studenti di poter studiare indipendentemente dalle condizioni economiche, chiediamo edifici sicuri e non fatiscenti, chiediamo una didattica innovativa, chiediamo maggiore democrazia e partecipazione nei luoghi di studio, al di fuori da ingerenze dei privati”.

Education is not for sale”, è invece il grido che l’Unione degli Universitari ha proposto nelle piazze italiane. Una mobilitazione quella odierna per rivendicare – spiega l’Udu in una nota – il carattere pubblico dell’istruzione, che non può essere oggetto di logiche di mercato con l’entrata di privati dentro gli Atenei”.

Intanto a Bari e Torino i rettorati sono stati occupati dagli studenti, nelle università la protesta si è invece concentrata contro la privatizzazione degli atenei. “La protesta di oggi che vede mobilitarsi 150.000 studenti – si legge nei loro comunicati – è il segno che gli studenti italiani non si sono addormentati, non si sono scordati i pesanti tagli del governo ma, anzi, sono una forza attiva nel paese che chiede e continuerà a chiedere con forza di essere ascoltata”.

In contrasto con lo spirito della manifestazione gli studenti di Azione Universitaria. “Chi contesta questa riforma – sottolinea Andrea Volpi, capogruppo del centrodestra in Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari e dirigente nazionale di Azione Universitaria – o è disinformato o in malafede ed evidentemente teme una gestione dell’Università che risponda per la prima volta a principi di responsabilità e meritocrazia”.

“Il Decreto Gelmini – aggiunge Volpi – mira ad una ottimizzazione delle spese tagliando corsi e sedi inutili, riorganizzando gli Atenei e identificando nel Rettore il legale rappresentante alla cui figura spetterà il coordinamento delle attività scientifiche e didattiche secondo criteri di qualità e nel rispetto dei principi di efficacia, efficienza e semplificazione. Si concretizza inoltre una vera lotta alle storiche baronie universitarie con i docenti che dovranno rendicontare le ore destinate alla didattica e con il limite di 2 mandati ai Rettori che non potranno più essere i padroni a vita degli Atenei”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gelmini: “i centri sociali non sono gli studenti”

Next Article

Cercasi giovani PR nell’organizzazione eventi

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.