Studenti imbrattano il bagno di feci, maestra li sgrida: condannata ad un mese e venti giorni di reclusione

Il fatto è accaduto quattro anni fa nell’Istituto comprensivo di Fornovo di Taro, Parma. La denuncia dei genitori dopo che i bambini hanno accusato l’insegnante di averli sgridati troppo.

Dopo che una collaboratrice scolastica si era lamentata perché i bagni erano stati imbrattati di feci, una maestra ha redarguito gli alunni che all’epoca frequentavano una quinta di scuola primaria dell’Istituto Comprensivo di Fornovo Taro, Parma, dove la 60enne era stata chiamata per qualche ora di supplenza. Ma i richiami fatti agli scolari, non sono piaciuti ad alcuni genitori, tanto da arrivare a denunciarle.

La condanna della maestra

Per la maestra, finita a giudizio per “abuso di mezzi di correzione”, anche l’accusa ha chiesto l’assoluzione. Non è stato dello stesso avviso il giudice che dopo quattro anni di processo l’ha condannata a un mese e 20 giorni di reclusione “semplicemente perché si è comportata come ogni adulto di buon senso avrebbe fatto”, racconta il sindacato Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza, tramite il suo coordinatore Salvatore Pizzo.

Le versioni a processo tuttavia non coincidono: la maestra sosteneva essersi limitata a richiamare gli alunni all’ordine dopo quanto denunciato dalla bidella circa lo stato dei bagni, minacciando di rivolgersi al dirigente scolastico. Alla notizia dei wc imbrattati in classe si era infatti creata una situazione di trambusto. I bambini coinvolti, invece, avevano raccontato in lacrime ai genitori di essere stati ricoperti di insulti dall’insegnante. E così era scattata la denuncia ai carabinieri di un paio di famiglie.

Da qui l’indagine e il processo per”abuso di mezzi di correzione”. Come detto, il rappresentante della pubblica accusa aveva chiesto l’assoluzione della maestra “perché il fatto non sussiste”, ma di tutt’altra opionione è stato il giudice l’insegnante esagerò nel riprendere gli alunni. Il sindacato rimarca come “nessuno abbia agito per l’evidente ‘colpa in educando’ contro i genitori”. Il sindacato fa sentire la sua voce e pretende che l’Ufficio scolastico regionale dell’Emilia Romagna, l’Ufficio Territoriale di Parma e Piacenza e i dirigenti scolastici tutti avvino le procedure, previste dalla legge, a carico di chi non educa i figli. La Gilda si dichiara al fianco della docente e fa presente che è stato l’unico sindacato presente alla lettura della sentenza.

Leggi anche:

Total
12
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Costretti a fare flessioni in reparto in caso di ritardo": la denuncia degli specializzandi della Scuola di ortopedia a Salerno

Next Article

Sapienza prima al mondo per Studi classici, boom Luiss: tra le private scala 46 posizioni

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident