Studente romano vive con il primo cuore artificiale permanente

Schermata 2013-01-25 a 12.02.28

«Mi sento come se fossi nato una seconda volta» dice  Saverio da quando un cuore meccanico gli ha ridato la vita. Si tratta del primo ragazzino al mondo ad aver ricevuto un cuore artificiale permanente. È avvenuto due anni fa al Bambin Gesù di Roma, ospedale all’avanguardia per l’uso di questi dispositivi in bambini e adolescenti, dato che trovare un organo adatto per un tanto giovane paziente non è cosa semplice, a volte le attese sono troppo lunghe.

Adesso Saverio, sedici anni, sta bene. Ha risposto bene all’intervento, il primo al mondo perché in altre circostanze il cuore artificiale è soltanto una pompa momentanea. Non così per lui, che all’età dell’intervento presentava già tutti i sintomi di un anziano cardiopatico, conseguenze della sindrome di Duchenne che ai suoi muscoli facevano via via perdere la forza e rendevano rischiosissimo pure un trapianto.

Oggi Saverio ha ripreso a frequentare il liceo scientifico e con coraggio e serena accettazione condivide la sua vita col cuore artificiale che ogni 11 ore circa necessita di un cambio batteria.

«Ora sono più sereno e tranquillo, dice Saverio, e anche più sicuro di me perché finalmente posso condurre una vita normale».

 

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Olio d'oliva per il restauro del Colosseo?

Next Article

Ora le aziende invitano i dipendenti ad utilizzare i social

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"