Stressati per i test? Tutta salute

stress.jpgGiorni di stress per molti studenti in questi scampoli d’estate. I corsi di preparazione si affollano in vista dei test d’ingresso alle facoltà universitarie e nelle librerie si sono assottigliate da tempo le scorte di volumi per esercitarsi. Insomma, d’estate il quiz imperversa e barrare la risposta giusta può essere un problema, perché da una fatidica crocetta dipende la scelta di una vita.
“Per gli studenti – sostiene Tonino Cantelmi, docente di psicologia all’Università Gregoriana di Roma – è più preoccupante affrontare il nuovo esame di ammissione all’università, perché non sono abituati allo stress. Il nostro sistema scolastico non è competitivo come in altri paesi. In Giappone, il primo test di ammissione si fa all’asilo. In Italia, la competizione manca fino alle superiori. Poi, però, accelera improvvisamente con i test di ingresso all’università”.
L’aspetto ansiogeno è dovuto a un complesso di cause che non si esauriscono nella scarsa familiarità ai quiz. Secondo Cantelmi, che ha a che fare con molti studenti, “c’è una grande sfiducia nei confronti di test inaffidabili o truccati come quelli dell’anno scorso. La facoltà più ambita e più ansiogena resta, senza dubbio, medicina”.
Di fronte all’ansia, l’esperto propone l’unica ricetta possibile: “Bisogna saper accettare anche un insuccesso. Se la prova diventa un modo per autovalutarsi, l’ansia diventa inaccettabile”. Gli studenti che sperano di migliorare ‘artificialmente’ le proprie prestazioni, si disilludano: “Non esiste nulla che migliori il rendimento personale. Assicura il professore: basta una vita sana e regolare. Non servono bibitoni energetici o miracolose pastiglie per la memoria”. Lo stress può anche essere positivo, conclude Cantelmi, se è provocato da eventi positivi. Prendere voti alti, quindi, è uno stress positivo, ma è pur sempre uno stress.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Catania, 48 tifosi da 30-e-lode

Next Article

Guida alla scelta della facoltàSCIENZE STATISTICHE

Related Posts
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".