La storia di Alberto Barea, infermiere a Londra: “Qui il mio lavoro è riconosciuto e gratificato, in Italia non ci sono spiragli di crescita”

alberto barea infermiere a londra

“Mi dispiace dirlo, ma purtroppo in Italia la parola “Infermiere” è ancora vista con molti stereotipi, la professione è sottostimata a ruolo subordinato e non ci sono spiragli di crescita professionale”: è l’amaro commento di Alberto Barea, laureato in infermieristica in Italia, costretto ad emigrare per trovare lavoro. Con la scelta di lasciare il Paese, però, è arrivato il successo professionale e la gratificazione personale: un posto di responsabilità al St George’s Hospital, a Londra, la valorizzazione delle proprie competenze e la possibilità di costruirsi una prospettiva di lavoro in proprio.

Sulla scia di Simone Speggiorin, il giovane medico passato dal fare il precario in Italia ad essere il più giovane primario di cardiochirurgia nella storia del Regno Unito, ecco l’esperienza che Alberto ha raccontato a CorriereUniv, tra soddisfazione personale e rimpianto:

 

“Io ho fatto come lui – esordisce Alberto commentando la storia di Simone Speggiorin – e premetto: io sono un infermiere che si è trasferito a Londra nel 2007.

Da allora ad oggi, sono diventato il coordinatore del personale infermieristico del dipartimento di dermatologia del St George’s hospital e dopo vari corsi universitari sono stato promosso a “Clinical Nurse Specialist” (Specialista Clinico Infermiere); effettuo settimanalmente chirurgia dermatologica (biopsie, rimozione di nei e tumori della pelle) e faccio training ai medici specializzandi.

Tanto per aggiungere qualche anno di luce in più dall’Italia: il mio lavoro è completamente indipendente, ho appena terminato un master (finanziato dall’ospedale) che mi permette di prescrivere farmaci come un medico, effettuo il monitoraggio di terapie sistemiche ad alto rischio di tossicità e, tra le altre attività, ho effettuato un corso al Royal Society of Medicine per somministrare il botulino e sto progettando di aprire una piccola attività di medicina estetica (a proposito, qui la partita IVA me la sono aperta con una telefonata di 5 minuti!).

Devo dire che anche qui a volte la gente è incredula quando spiego la mia attività lavorativa: a volte mi scambiano per una sorta di “chirurgo plastico”, quando invece qui in UK gli infermieri hanno semplicemente la possibilità di scalare diversi livelli di carriera e competenza con un riconoscimento economico che all’apice può raggiungere 6000€ netti mensili.

Mi dispiace dirlo, ma purtroppo in Italia la parola “Infermiere” è ancora vista con molti stereotipi, la professione è sottostimata a ruolo subordinato e non ci sono spiragli di crescita professionale.

Eppure – conclude Alberto – la nostra formazione e le nostre qualità fanno eccellenza all’estero.

Total
0
Shares
4 comments
  1. X Sara non capisco come mai ti scandalizzi tanto, cmq è meglio che ti levi di torno dall’Italia, non sia mai che diventi l’ennesima infermiera frustrata. Ti assumi la tua responsabilità fuggendo all’estero invece di batterti qui per il tuo futuro. Brava! Quanto a responsabilità, non mi puoi giudicare perché neanche mi conosci, quindi tieniti per te le tue ansie e vedi di realizzart, ho avuto modo di prestare la mia assistenza alberghiera e ausiliaria, come tu pensi, in reparti di urgenze ed emergenze, quindi, anche se non ti devo rendere conto, vedi che un poi di responsabilità c’è l’ho pure io. Auguri di una professione di vera responsabilità e soddisfazione. e stai in pace con te stessa! Con questo chiudo

  2. Ciao Alberto, sei reale e determinato, ben fatto! Complimenti collega…il tuo lavoro e il tuo coraggio ci rende sempre più forti e motivati! EVVIVA!
    …per i commenti espressi e le continue lamentele…lette…cosa dire…andate a lavorare!!! che tristezza che siete!

  3. Sai Stefania , si può lavorare, fare molto di costruttivo, essere anche molto allegre e perfino spigliate e allo stesso tempo fare delle critiche, si chiamana critiche costruttive. Capisci, magari per te sig.ra felice ci vuole un po’ di fantasia

  4. Ciao alberto!!!
    non ci conosciamo;>Mi sono permesso di scriverti perchè,anch’io sono un infermiere professionale con 18anni di servizio ed ho deciso di trasferirmi(non ho nessun vincolo qua in Italia).Sono consapevole che ho una grandissima pecca ,quella della lingua,ma sto cercando di imparare,ma giorno dopo giorno sono sempre più convinto che la lingua si impara sul posto!per voci di corridoio sento dire che ci sono dei centri che ti assumono e ti fanno fare dei corsi di inglese.oppure ci sono dei centri dove magari iniziare con un qualsiasi altro tipo di lavoro e dopo passare alla mia professione???(ho lavorato 2 anni come cuoco)e anche in sala,me la cavo in muratura,elettricista,ed idraulica!!Capisco che non sei un ufficio informazione ma come collega e concittadino spero che mi darai una risposta!!!GRAZIE ANTICIPATAMENTE!!!

Lascia un commento
Previous Article

Esami di Terza Media, si parte! 600mila studenti alla prova

Next Article

Emanuele Balduzzi: "La tesina per la maturità? La faccio dalla Stratosfera!"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.