Stop ai fondi per il corso di cinematografia, a rischio l’anno per gli studenti selezionati

Schermata 2013-01-21 a 12.20.22

Riccardo, Alberto, Giulia: sono tutti studenti che hanno superato le prove di ammissione al prestigioso corso triennale di Animazione del Centro Sperimentale di Cinematografia, con sede a Torino dal 2001.

I 16 ragazzi che sono riusciti a superare le selezioni tra settembre e ottobre hanno subito cercato di organizzarsi per il trasferimento nella città del lingotto. Peccato, però, che dal 16 novembre non arrivi una risposta, che sia una, sulla sorte del corso. Sì, perché dalla Regione arriva la notizia del taglio dei fondi promessi. I ragazzi, insieme ai docenti, restano così in sospeso, senza sapere se il corso partirà a fine gennaio – in ritardo come gli altri anni – o se verrà cancellato definitivamente.

Mancano, in sostanza, i 50mila euro erogati dalla Regione Piemonte per coprire il bilancio 2012, e finanziare i diversi corsi e progetti legati al settore cinematografico. E tra i ragazzi monta la rabbia: “Abbiamo tentato la fortuna e rinunciato ad altre opportunità – raccontano. Ora è troppo tardi per iscriverci a un altro corso universitario e rischiamo così di perdere un intero anno”. Per altri sarà dura anche trovare casa da un giorno all’altro, vista la situazione.

Mercoledì, comunque, è previsto un incontro in Regione per discutere della questione. I ragazzi sperano di ottenere buone notizie.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"L'omosessualità va curata", prof. veneto bersaglio di polemiche

Next Article

Palermo ricorda Chinnici e Borsellino nel giorno del loro compleanno

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.