Stipendi supplenti, si cambia: “Nuove modalità per il pagamento”

stipendi supplenti

Supplenze, si cambia. Dopo una serie di pressioni è arrivato, forse, il momenti di cambiare il sistema di pagamento per quanto riguarda la retribuzione dei supplenti temporanei.

“Su nostra richiesta, la Direzione Bilancio del MIUR ci ha comunicato che oggi ci sarà un’emissione stipendiale per il pagamento dei supplenti, i cui contratti sono stati visualizzati a sistema entro il 3 marzo 2014” – commentano soddisfatti dal sindacato FLC CGIL nazionale.

“Il MIUR sta continuando il caricamento sui POS di ulteriori somme per pagare gli ulteriori contratti con la prossima emissione, che avverrà presumibilmente lunedì 17 marzo. Purtroppo, i fondi risultano sempre insufficienti a far fronte alle necessità delle scuole, come giornalmente segnalano molte segreterie, che non ricevono gli importi necessari per pagare gli stipendi a tutti i supplenti che è stato necessario assumere”.

In alcuni casi, addirittura, ci sono stipendi arretrati da pagare, risalenti al mese di maggio 2013. “Tutto questo è profondamente ingiusto – continua il sindacato -. L’Amministrazione deve pagare tempestivamente tutto il dovuto e rispettare gli impegni che ha assunto con la centralizzazione dell’erogazione dei finanziamenti. Siamo sempre di fronte alla solita storia dei tempi tecnici di autorizzazione del MEF, anche se il MIUR ci ha fatto sapere che le attuali procedure saranno cambiate per consentire emissioni sempre più ravvicinate, in modo da pagare con regolarità i supplenti temporanei”.

Finalmente, quindi, un cambiamento positivo, che è stato possibile soprattutto grazie al lavoro di confronto svolto sul tavolo tecnico della semplificazione amministrativa. “Continueremo a chiedere al MIUR di rendere efficiente il sistema dell’erogazione dei fondi per le supplenze – conclude il sindacato – , per garantire i diritti dei supplenti e liberare le segreterie delle scuole da uno stress non più sostenibile”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Acqua nel cuore della Terra: un mare più grande di dieci Oceani Pacifici

Next Article

Cervelli in fuga? No grazie. Carolina, Andrea e Stefano tornano in Italia

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"