Sondaggio online, stagisti alla riscossa

stagista.jpgChi sono gli stagisti italiani? Cosa si aspettano e cosa ottengono dallo stage? Per tracciare un identikit completo, arriva sul web il sondaggio lanciato dall’Isfol e dalla testata web ‘Repubblica degli Stagisti’, nata nel 2007 in forma di blog e dedicata proprio agli stagisti e più in generale al mercato del lavoro per i giovani. La rilevazione darà finalmente voce agli stagisti italiani: protagonisti il cui punto di vista è sistematicamente bypassato dalle indagini svolte dalle aziende ospitanti o dai soggetti promotori dello stage.
Ogni anno un esercito di 300.000 giovani stagisti entra in azienda per completare la propria formazione ‘on the job’, ma soprattutto per tentare un primo ingresso nel mondo del lavoro. Ma, se in alcuni casi gli stage sono organizzati ‘a regola d’arte’, con tutor presenti e progetti formativi seri e adeguati, in altri i tirocinanti vengono utilizzati solo a fini lavorativi, quasi sempre senza corrispondere una retribuzione.
L’obiettivo è di far emergere le esperienze degli stagisti italiani, scoprendo dove e per quanto tempo fanno stage, se prendono un rimborso spese e di quanto, e soprattutto se vengono assunti al termine del tirocinio. Il sondaggio, che resterà online sul sito www.repubblicadeglistagisti.it e con una news-link su https://orientaonline.isfol.it fino al 6 agosto, è anonimo e facilissimo da compilare: comprende una ventina di domande attraverso cui chiunque abbia fatto almeno uno stage nella vita potrà raccontare la sua esperienza. Le risposte al sondaggio verranno poi elaborate dai ricercatori dell’Isfol e presentate al pubblico nell’autunno del 2009.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Studenti aquilani: "No alla diaspora"

Next Article

Incontra le “facce da Yif” appuntamento a Campo de' Fiori

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"