Stagisti alla Plasmon

Crescere in azienda. L’opportunità è offerta ad un giovane neolaureato/a per una esperienza di stage all’interno del Laboratorio di assorbimento atomico. Il/la candidato/a sarà inserito/a in un ambiente di lavoro dinamico e stimolante e, attraverso l’affiancamento al suo tutor, avrà l’opportunità di apprendere tecniche di analisi di contaminanti in tracce negli alimenti attraverso la strumentazione specifica del laboratorio di assorbimento atomico e di supportare il laboratorio in stesso nell’attività di accreditamento ai sensi della norma ISO 17025.
I requisiti per candidatsi sono: Laurea in Chimica, CTF o chimica industriale con votazione non inferiore a 100/110 Tesi di laurea sperimentale in chimica analitica Buona conoscenza della lingua inglese. Completano il profilio, una buona conoscenza dei sistemi informatici e della norma ISO 17025.
La sede di lavoro è Latina. Lo stage ha una durata di sei mesi. E’ prevista una borsa di studio e l’accesso alla mensa aziendale. I candidati interessati possono candidarsi on-line o inviare un dettagliato CV all’indirizzo e-mail [email protected] citando il rif. Stage Laboratori Centrali ed autorizzando il trattamento dei dati personali (legge 196/03).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Convegno sulla Cura al Suor Orsola Benincasa di Napoli

Next Article

Bolzano, i 100 giorni del neorettore

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.