Stage per informaticinella capitale

Linfa è leader nella creazione di prodotti software per l’e-Information, l’e-Communication e l’e-Learning su Internet attraverso processi di valorizzazione dei contenuti proprietari dei suoi clienti.
Al primo ingresso in azienda lo stagista verrà informato sulle attività da svolgere: attività di assistenza sistemistica, produzione software e prodotti multimediali. Sono richieste conoscenze di Sistemi operativi Windows, internet e posta elettronica a livello Ottimo, e conoscenza dell’inglese a livello scolastico.
Lo stage si svolgerà a Roma, per una durata di sei mesi. Gli interessati possono inviare il curriculum all’indirizzo email [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

30 operatori telefonici prima esperienza

Next Article

Replica alle parole della Gelmini

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.