Stage Parlamento Europeo: tutte le opportunità e come candidarsi

Vi piacerebbe svolgere uno stage all’estero, presso il Parlamento Europeo?

L’Europarlamento offre ogni anno l’opportunità di effettuare tirocini presso il proprio Segretariato generale. Gli stage possono svolgersi a a Bruxelles, Strasburgo, Lussemburgo e presso altre sedi.

L’EUROPARLAMENTO

Il Parlamento Europeo (European Parliament) è l’assemblea legislativa dell’Unione Europea. Svolge una funzione di controllo, condividendo con il Consiglio dell’UE il potere di adottare e modificare le proposte legislative e di decidere sul bilancio. L’Europarlamento ha sedi principali a Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo. E’ composto da 751 deputati, eletti direttamente dai cittadini dei 28 Stati membri dell’Unione europea, a suffragio universale diretto e per un mandato quinquennale.

Istituito nel 1951, come Assemblea comune della CECA, il Parlamento Europeo ha anche un Presidente, eletto per un periodo rinnovabile di due anni e mezzo. La carica attualmente è ricoperta dal politico e giornalista italiano Antonio Tajani.

PARLAMENTO EUROPEO STAGE

Durante l’anno l’Europarlamento offre diversi programmi di tirocini per laureati e diplomati presso il proprio Segretariato generale. Gli stage presso l’Europarlamento possono essere retribuiti, a seconda della tipologia, con contributi economici, e prevedono alcuni rimborsi spese e assicurazioni.

Ecco un breve excursus sulle tipologie di tirocini previste:

TIROCINI PER TITOLARI DI DIPLOMI UNIVERSITARI – Borse di studio Schuman

Questi tirocini Parlamento Europeo permettono ai partecipanti di familiarizzare con l’attività dell’unione Europea e in particolare del Parlamento Europeo. Hanno una durata di 5 mesi e prevedono una retribuzione mensile variabile a seconda del Paese di destinazione che, per il 2019, va da 854 a 1.799 euro.

DESTINATARI

Gli stage sono rivolti a cittadini di uno Stato membro dell’Unione europea o di un Paese in fase di adesione o candidato (è prevista la possibilità di inserire un numero limitato di tirocinanti provenienti da altri Paesi). I candidati ideali sono maggiorenni e laureati da non più di 3 mesi prima dell’inizio del tirocinio. Conoscono due lingue ufficiali dell’Unione europea, una ad ottimo livello e una a buon livello, e offrono le opportune garanzie di moralità richieste per l’esercizio delle funzioni da svolgere. Non hanno lavorato o svolto un tirocinio (retribuito o non retribuito) per più di 2 mesi consecutivi presso una istituzione o un organo dell’UE e non hanno effettuato una visita di studio o di ricerca nei 6 mesi precedenti l’inizio dello stage.

PERIODI DI STAGE E SCADENZE CANDIDATURE

Periodo di tirocinio: dal 1° ottobre al 28 / 29 febbraio – Iscrizioni dal 1° al 30 giugno.

Periodo di tirocinio: dal 1° marzo al 31 luglio – Iscrizioni dal 1° al 30 novembre.

ALTRI TIROCINI PARLAMENTO UE

Il Parlamento Europeo offre anche le seguenti tipologie di tirocinio:

tirocini ‘EU & You’ – sono rivolti a laureati di Paesi non appartenenti all’Unione Europea, in cui si trova un Ufficio di collegamento del Parlamento UE (EPLO). Si svolgono presso l’EPLO del Paese dello stagista e le candidature vanno presentate nei periodi definiti dall’autorità competente, di concerto con l’EPLO del Paese terzo, almeno entro un mese prima dell’inizio dello stage;

tirocini ‘Business Agreement’ – sono rivolti a studenti e rappresentanti di istituti di istruzione o organizzazioni esterne che hanno siglato protocolli d’intesa con il Segretariato generale del Parlamento Europeo. Sono regolati da quanto previsto dagli accordi siglati, anche per quanto riguarda periodi di attivazione, candidature e selezioni.

SEDI DI STAGE

I tirocini Parlamento Europeo possono svolgersi presso le sedi dell’Europarlamento a StrasburgoBruxelles o Lussemburgo. Oppure presso negli Uffici Informazioni del Parlamento Europeo situati negli Stati membri. In quest’ultimo caso, occorre conoscere fluentemente la lingua del Paese di destinazione.

CONDIZIONI DI STAGE

Gli stagisti firmano un regolare contratto di tirocinio. Hanno diritto ad un contributo forfettario per le spese di andata e ritorno dalla residenza alla sede del tirocinio e, se sono coniugati o in una unione registrata e hanno almeno un figlio a carico, possono beneficiare di una indennità familiare.

Oltre al rimborso per le spese di viaggio, il Parlamento Europeo fornisce un’assicurazione sanitaria e infortuni integrativa. I tirocinanti hanno diritto a due giorni di congedo al mese e ai congedi ufficiali per i giorni festivi e di chiusura dell’Europarlamento, a quelli speciali e a quelli per malattia

Per i tirocini ‘EU & You’ e ‘Business Agreement’ non sono previste indennità di viaggio connesse al luogo di residenza permanente dei tirocinanti.

ITER DI SELEZIONE

Come avviene il recruiting? Le selezioni per lavorare al Parlamento Europeo con i programmi di stage è articolata in diverse fasi, a partire dalla preselezione delle candidature, da parte dell’Ufficio tirocini dell’Europarlamento, in base alla quale quelle considerate idonee vengono trasmesse ai servizi competenti delle Direzioni generali, che le esaminano. I servizi competenti inviano dunque all’Ufficio tirocini l’elenco dei candidati selezionati, che viene utilizzato dall’autorità competente in base al numero totale dei tirocini autorizzati.

COME CANDIDARSI

Gli interessati a svolgere un tirocinio e a fare un’esperienza di formazione e lavoro nel Parlamento Europeo possono candidarsi visitando la pagina dedicata agli stage, e compilando l’apposito modulo online di candidatura, durante i periodi di apertura delle istanze, entro le scadenze indicate.

Vi ricordiamo che per partecipare ai tirocini Schuman che si svolgeranno tra marzo e luglio 2021 occorre candidarsi entro il 30 novembre 2020.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sardegna, studenti universitari in lotta con l’Ersu: “Rimborsi inadeguati alle difficoltà”

Next Article

Stati generali: taglio del cuneo fiscale, più fondi per formazione e bonus per donne manager

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.