Stage in Bip per neolaureati

La Bip s.p.a. cerca un neolaureato da inserire nella divisione di Technology Innovation della sede di Milano.

La Bip s.p.a., società di consulenza direzionale specializzata nella Business Integration and Innovation, cerca un neolaureato da inserire nella divisione di Technology Innovation presso la sede di Milano.
La neonata area Technology Innovation si pone l’obiettivo di sviluppare lo Know Now e dI realizzare progetti di innovazione tecnologica. Per questo i requisiti richiesti sono: il possesso di una laurea preferibilmente in Ingegneria delle Telecomunicazioni, Informatica o Elettronica; un’ottima conoscenza della lingua inglese; la conoscenza di una seconda lingua (francese o spagnolo); piena padronanza del pacchetto Office.
Il candidato ideale deve essere fortemente interessato al mondo della consulenza direzionale.
Gli interessati per ulteriori informazioni e per inviare la propria candidatura possono consultare il sito.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Roma Tre, si discute sul futuro degli atenei

Next Article

Nuove creatività al Sannio

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.