Spermatozoi in crisi: crolla la fertilità maschile. No a sauna e marijuana

spermatozoi

 

Gli specialisti lanciano l’allarme. Anche gli spermatozoi sono in crisi. La fertilità maschile rischia il tracollo ed è in continua diminuzione.  Nel 50% delle coppie che non riescono ad avere figli, è proprio l’uomo ad avere problemi.

Secondo uno studio francese, negli ultimi 17 anni le cellule riproduttive maschili nei trentacinquenni è calata del 32,2%.

In Italia, nel 2011, alcuni ricercatori avevano condotto uno studio a Padova, servendosi di un campione di 2000 persone. Tra di essi, il 50% era formato da diciottenni e il restante da quarantenni. Risultato: una diminuzione del 25% del numero degli spermatozoi nei più giovani.

Un uomo produce circa 60 milioni di spermatozoi per millilitro di sperma e, ai fini riproduttivi, ne bastano anche 40 milioni. Ma uno studio condotto nel Nord Europa da alcuni studiosi dell’Università di Edimburgo ha dimostrato che un giovane su cinque ha un numero di spermatozoi così basso da non poter procreare.

Tra le cause, anche alcuni fattori che agiscono prima della nascita del bambino: il fumo della madre in gravidanza, le dimensioni ridotte dei testicoli dei bambini che nascono prematuri o che sono sottopeso durante l’infanzia.

E non solo: dito puntato anche contro pesticidi, ftalati (sostanze contenute nelle plastiche) e inquinanti. No ad acqua troppo calda e alla sauna, al fumo di marijuana e di tabacco, alla sedentarietà e ad una dieta ricca di grassi.

A.Z.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Estate a Milano, ecco tutti gli eventi

Next Article

L'UE assegna 400 milioni a 287 giovani ricercatori

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.