Specializzazioni mediche, al via le iscrizioni al concorso nazionale

concorso-nazionale-medicina-telematico1

Nella giornata di ieri sono partite le iscrizioni al concorso nazionale per le specializzazioni mediche. Sul portale Universitaly, il MIUR ha pubblicato tutti i percorsi da seguire per procedere con l’iscrizione. Il concorso era stato corredato da una serie di polemiche, riguardo ai posti disponibili e ai tempi della pubblicazione del bando. Lo stesso ministro Stefania Giannini, più di un mese fa, aveva parlato di “promessa mantenuta”, riferendosi ai 5.000 posti messi a bando per il concorso nazionale in specializzazioni mediche.

Pubblichiamo tutte le informazioni utili per gli specializzandi direttamente dal portale Universitaly

 

OBBLIGO ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE
D: Coloro che ai sensi dell’Ordinanza Ministeriale 14 febbraio 2014 n. 116, si abiliteranno nell’esame fissato per il giorno 5 febbraio 2015 e che al momento non sono abilitati possono partecipare alle prove?

R: No. La partecipazione alle prove è finalizzata alla formazione di una graduatoria di merito per l’iscrizione alle Scuole che a sua volta richiede il possesso dell’abilitazione entro il 10 dicembre 2014 (data di inizio delle attività accademiche). Ne consegue che non potranno partecipare alle prove coloro che si abiliteranno nell’esame fissato il 5 febbraio 2015.

ORDINAMENTO SEDI 
D: E’ obbligatorio indicare per ogni tipologia di scuola per la quale il candidato presenta domanda di ammissione al concorso un ordine di preferenza per tutte le sedi disponibili o bisogna limitare la scelta solo a una o ad alcune delle sedi?

R: Ogni candidato può scegliere una sede, più sedi o anche tutte le sedi. L’ordine di preferenza delle sedi rileva ai fini dell’inserimento nella graduatoria e dello scorrimento. Si ricorda che l’indicazione delle sedi in ordine di preferenza agevola  il tempestivo scorrimento della graduatoria nella misura in cui le sedi indicate sono realmente di interesse del candidato. Infatti, l’assegnazione di un candidato ad una sede cui poi non segua l’effettiva iscrizione comporta un rallentamento delle iscrizioni.

ESAMI FONDAMENTALI E CARATTERIZZANTI
D: Nel caso in cui uno specifico Settore Scientifico Disciplinare (SSD) tra quelli indicati all’Allegato 2 sia compreso in più corsi integrati tra quelli riportati dal candidato, a quale esame deve fare riferimento il candidato per associare il voto ai SSD di cui all’Allegato 2?

R: Il candidato sarà libero di usare qualsiasi esame riferito ad un corso integrato che comprenda al suo interno il SSD richiesto da quella scuola. La procedura informatica proporrà al candidato tutti gli esami con suddette caratteristiche a condizione che il voto sia almeno pari a 27/30 e tale voto potrà comunque essere utilizzato una sola volta

TESI DI LAUREA E DOTTORATO
D: L’attribuzione di una tesi sperimentale o di dottorato ad uno dei settori scientifico disciplinari di cui all’allegato 3 del DM 612/2014 come viene stabilita? Corrisponde al ssd di inquadramento del relatore della tesi? La tesi può essere attribuita anche a più ssd? 
R: La tesi, in relazione all’argomento e al contenuto della stessa, può riferirsi anche a più di un SSD tra quelli di cui all’allegato 3. Pertanto, in base ai contenuti della tesi, il SSD o i SSD associati alla stessa devono essere indicati dal relatore o da una delle figure indicate all’articolo 5, comma 5, lettera e) del DM 612/2014 tramite apposita dichiarazione. Il settore di riferimento della tesi non è pertanto automaticamente quello di afferenza del relatore della stessa. La tesi potrà essere valutata per tutte le Scuole in cui il SSD ad essa associato è il SSD di riferimento (Allegato 3). Resta comunque in capo alla Commissione Nazionale la possibilità di verificare le suddette informazioni.

DOMANDE PRESENTATE ALL’ESAME
D: Si chiede di chiarire la natura delle 30 domande specifiche di Area e, in particolare, se queste faranno riferimento a tutte le branche comprese nella macroarea o solo a quelle dei Settori Scientifico Disciplinari fondamentali per la scuola di specializzazione per la quale si concorre. In particolare, si chiede di chiarire il significato dell’art. 7, lettera b, relativo alla seconda prova, che specifica che le 30 domande sono riferite “alle materie riconducibili a tutti i settori scientifico disciplinari fondamentali dell’area di riferimento dell’allegato 2”. 

R: Le domande per ciascuna AREA (quindi per tutte le scuole ricomprese in quella area) verteranno sui ssd fondamentali riportati nell’allegato 2 in corrispondenza della colonna arancione.
GRADUATORIE
D: Ai fini dello scorrimento e dell’assegnazione alle Scuole il candidato che è in posizione utile in 2 graduatorie di Scuole (es. A e B) e in posizione non utile (ovvero in attesa) in 1 graduatoria (es. C) e che decide di optare per la graduatoria A, decade automaticamente sia da B che da C?
R: Dopo la pubblicazione della graduatoria provvisoria del 5 novembre 2014, il candidato che opta per la Scuola della graduatoria A decade automaticamente da B, ma non da C. (l’opzione è da effettuare entro il 7 novembre 2014 per il primo scorrimento).
All’atto dell’iscrizione alla Scuola della graduatoria A il candidato decade anche dalla graduatoria C.
Qualora il candidato non perfezioni l’iscrizione alla Scuola della graduatoria A, decade anche dalla graduatoria A ma non decade dalla graduatoria C.
Nell’ipotesi descritta la sede di assegnazione del candidato sarà quella migliore nell’ordine delle preferenze da lui espresse tenendo conto dei posti disponibili e delle preferenze espresse da tutti i candidati che entro il 7 novembre hanno optato per la graduatoria A.
Ecco dove trovare tutte le informazioni disponibili tramite il portale ufficiale del MIUR 
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le misure anticrisi del Suor Orsola sulle tasse universitarie

Next Article

Numero chiuso, si riparte con i test. Gli studenti: "Il nostro futuro non è una questione di fortuna"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).