Specializzarsi in azienda per combattere la crisi

crisiiiii.jpgContro la crisi economica le aziende rafforzano le competenze dei candidati e puntano su una formazione life long learning. La via di uscita così non è la porta, ma training interni che prevedano corsi e crescita professionale.
A sostenerlo è Gi Group, la più grande agenzia per il lavoro italiana, che ha individuato i settori che risentiranno in misura minore della congiuntura economica sfavorevole. Tra essi: banche, Gdo, catene retail, alta moda, e le funzioni trasversali tecnico-specialistiche, ma anche quelle dell’amministrazione e del commerciale.
Trasversalmente a diversi settori sono numerose le ricerche per profili tecnici e specialistici, sia nell’ambito informatico, che meccanico ed elettronico, ma anche sanitario. Tra le altre spiccano le diverse richieste per ingegneri, soprattutto meccanici ambientali e gestionali, periti con diverse specializzazioni, sistemisti, programmatori, ma anche anestesisti, ferristi e radiologi.
In questo momento di difficoltà del mercato del lavoro – sottolinea Barbara Bruno, Referente Nazionale Selezione e Organizzazione di Gi Group – In molti casi, infatti, il primo inserimento in azienda passa attraverso contratti di somministrazione che garantiscono l’operatività, ma sono anche uno strumento per selezionare giovani di buon potenziale, su cui investire non appena la congiuntura economica sarà più favorevole”.
Le ricerche del momento:
Su tutto il territorio nazionale si ricercano:
350 addetti Contact Center
275 tra Operatori di Sportello e Back Officer
60 Infermieri
Lombardia – Veneto – Piemonte – Liguria
240 addetti Gdo e catene Retail
100 operatori call center
45 operai specializzati, di cui 10 in ambito elettronico
30 addetti alla produzione in ambito metalmeccanico
10 ingegneri meccanici o aereospaziali
10 impiegati commerciali con conoscenza del tedesco
3 fisioterapisti
Emilia Romagna – Toscana – Marche
20 laureati in economia
15 operatori call center
10 receptionist/segretarie di direzione
Abruzzo – Puglia
15 operai specializzati (tornitori, saldatori, fresatori)
10 addetti vendita nel settore GDO
4 progettisti meccanici
4 disegnatori CAD
Gli interessati possono inviare cv a: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Brillanti neolaureati per Indesit

Next Article

La Cattolica boccia il decreto sicurezza

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.