La fotografia Ied incontra la musica

Il 30 maggio ci sarà la seconda tappa della manifestazione “Sound in a Frame”, evento di stampo totalmente giovanile creato dall’originale commistione tra fotografia e musica alternativa. Il progetto è nato dall’iniziativa di Dario Mastrocola, docente Ied del Corso di Fotografia, in collaborazione con Ied Arti Visive Milano e con lo studio di registrazione JRS Studio: questi enti hanno organizzato e promosso l’incontro tra otto studenti del corso di Fotografia dello Ied e otto gruppi musicali emergenti.
I gruppi musicali fanno parte della scena indipendente milanese, ovvero un’area del settore musicale che non rientra nel mercato dominato dalle Major discografiche, e si propongono di dare spazio a suoni e idee innovative.
Dall’incontro degli studenti e dei giovani musicisti nasce il progetto fotografico “Sound in a Frame”: ogni studente si è occupato di dare un volto e una interpretazione artistica ad un gruppo musicale; gli scatti faranno da scenografia alla serie di concerti dei gruppi musicali coinvolti nel progetto, che suoneranno al Korner di Rho (Milano) dal 30 maggio per tutto il mese di giugno. L’ingresso ai concerti è totalmente gratuito.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Guido Carli per tesi sull’economia

Next Article

A Catania il compositore Nyman

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".