Sostegno agli studenti: La Federico II presenta la carta dei servizi

corriereu_

Il Centro SInAPSi (Servizi per l’Inclusione Attiva e Partecipata degli Studenti) dell’Università Federico II, inaugura oggi una nuova sede operativa presso il Complesso di San Pietro Martire, in via Porta di Massa 1, a Napoli.
Con l’occasione verrà presentata anche la prima Carta dei Servizi , strumento di divulgazione delle attività che il Centro svolge per sostenere gli studenti che possono incontrare, nel loro percorso formativo, problemi di ordine fisico, emotivo o sociale.

Dopo i saluti delle autorità il Direttore Centro di Ateneo SInAPSi, Paolo Valerio, aprirà i lavori e la professoressa Maria Francesca Freda coordinerà gli interventi di presentazione della Carta dei Servizi. Alle 10.30 è prevista la cerimonia di inaugurazione.

La nuova sede offrirà servizi di formazione e supporto psicologico e/o pedagogico rivolti agli studenti al fine di potenziarne le competenze allo studio e di offrire loro un sostegno nel fronteggiare gli ostacoli che incontrano durante il percorso universitario. Nella stessa sede è attivo inoltre il Servizio Antidiscriminazione e Cultura delle Differenze che ha come obiettivo quello di promuovere buone prassi funzionali a prevenire e contrastare le violazioni dei diritti umani e le prevaricazioni legate al genere, all’orientamento sessuale, all’etnia, allo status socio-economico.

[email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premi Internazionali, trionfo italiano. Carrozza: "Piena soddisfazione, valorizzare i migliori"

Next Article

Master, le imprese stringono la cinghia

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"