Sistema duale tedesco: le regioni governano l’istruzione

Il sistema duale tedesco si basa con forza sulle regioni, i Lander cui spetta il compito di organizzare molteplici aspetti tra cui i piani di studio ma anche gli stessi esami.

Il sistema duale tedesco si basa con forza sulle regioni, i Lander cui spetta il compito di organizzare molteplici aspetti tra cui i piani di studio ma anche gli stessi esami. Ad essere coinvolto in questo processo eccellente, considerati i dati sull’occupazione, diversi attori che esponenti del Governo tedesco presenti alla conferenza napoletana sull’occupazione giovanile presso la Mostra d’Oltremare, hanno così elencato:

– Camere
– Sindacati
– Datori di lavoro
– Comuni
– Regioni

Salta immediatamente all’occhio la grande differenza di competenze tra il sistema regione tedesco e quello italiano. In Italia è unicamente il Ministero a detenere il “potere” sul sistema istruzione del Paese.

Martina Gaudino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il paradosso del freno-assunzioni negli Atenei

Next Article

Tennis, Djokovic trionfa agli ATP Masters

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).