Sigarette elettroniche, arriva il primo studio in Europa: riduce del 55 % il vizio

fumo-passivo

Sigarette elettroniche sì, sigarette elettroniche no. Da quando sono entrate nelle abitudini fisse dei fumatori italiani, è questo il dilemma che tormenta milioni di persone. A chiarire la situazione arriva lo studio condotto da Riccardo Polosa, direttore del Centro prevenzione e cura del Tabagismo del Policlinico Vittorio Emanuele di Catania.

L’indagine, la prima in Europa sulla sicurezza della sigaretta elettronica, parla dell’ecigar in chiave positiva. “La nicotina e’ una sostanza stimolante per il cervello che dà dipendenza, ma non è la causa di tumori o disturbi cardio circolatori che sono causati dalla combustione del tabacco nelle sigarette tradizionali – ha ricordato Polosa -. Quindi le sigarette elettroniche, pur contenendo nicotina che dà dipendenza, è un’alternativa molto meno dannosa alle sigarette tradizionali. Credo importante quindi invogliare i fumatori a smettere o passare a metodi a basso rischio per evitare il fumo di sigaretta”.

Nello specifico lo studio condotto dall’Università di Catania ha monitorato la variazione delle abitudini di 40 fumatori che non avevano nessuna intenzione di smettere. Il 32 % dei partecipanti ha riscontrato una diminuzione di almeno la metà nel numero di sigarette fumate al giorno, da 25 fino a 6 sigarette tradizionali. Il 22 % degli esaminati, poi, ha completamente eliminato le sigarette tradizionali. La diminuzione complessiva, quindi, si attesta intorno al 55 %.

Buone notizie, dunque, per i fumatori italiani, soprattutto considerando che oltre il 70 % dei fumatori non ha alcuna intenzione di togliersi il vizio.

Total
0
Shares
2 comments
  1. Salve a tutti,
    grazie alla sigaretta elettronica sono passato da 30 sigarette al giorno a 3/4, corrispondenti a dopo i pasti e qualche caffè.
    Sento molti discorsi riguardo al fatto che la sigaretta elettronica faccia male o no. Non sono di quelli che dicono che non faccia niente, niente fa niente!
    Ma sono un gande sostenitore del fatto che tra le 30 sigarette classiche al giorno e le 3/4 di ora con qualche sfumacchiata in mezzo di quella “alternativa” sia prima di tutto un gran passo e probabilmente possa essere il modo in cui un giorno smetteró.
    Se la sigaretta elettrica fa o non fa male si vedrà più avanti, di sicuro è di gran lunga meglio di quella normale, solo per il fatto che non produce combustione, bensí una specie di vapore acqueo. Funzionamento della sigaretta elettronica:
    Sono convinto che l’importante sia affidarsi a un marchio serio per non andare incontro a problemi dovuti al mal funzionamento del dispositivo.

Lascia un commento
Previous Article

Pistorius è libero di viaggiare

Next Article

Stop alla fuga dei cervelli, arrivano al sud i messaggeri della conoscenza

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36