Shoah, 100 studenti al Viaggio della Memoria del Ministero dell’Istruzione

La Ministra Azzolina: “Conoscere la storia è essenziale
per costruire un futuro di pace”

“Coltivare la memoria è essenziale per costruire un futuro di pace. Per evitare che le tragedie del passato possano riproporsi. La Storia è una grande maestra”. Così la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che domani partirà insieme a cento studenti e ai loro docenti per il Viaggio della Memoria. Iniziativa che il Ministero dell’Istruzione mette in campo ogni anno insieme all’UCEI, l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, per offrire alle scuole, nel mese in cui si celebra il Giorno della Memoria, l’opportunità di ripercorrere la storia nei luoghi in cui è stata vissuta, di ascoltare le testimonianze dei superstiti, di riflettere sul passato.
I ragazzi saranno accompagnati in Polonia, prima a Cracovia e poi nel campo di Auschwitz-Birkenau, dalla Ministra Lucia Azzolina, dal Sottosegretario Giuseppe De Cristofaro, da Noemi Di Segni, Presidente dell’UCEI, da David Ermini, Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM). A portare la testimonianza di quanto vissuto ad Auschwitz saranno Tatiana Bucci e Oleg Mandic. Sarà presente anche una delegazione della comunità dei Sinti e dei Rom.
Le scuole che parteciperanno al Viaggio sono state selezionate a livello nazionale per i progetti didattici realizzati sul tema della Shoah. A loro, quest’anno, si unirà per la prima volta anche una rappresentanza degli alunni delle scuole polacche in Italia.
Con la guida dello storico Marcello Pezzetti, i ragazzi avranno tra l’altro l’opportunità di visitare il campo di Auschwitz-Birkenau, l’ex ghetto nazista nel quartiere Podgorze, l’antico quartiere di Kazimierz e la Sinagoga Tempel. All’interno della Sinagoga sarà firmata la Carta d’Intenti tra il Ministero dell’Istruzione, l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, il Consiglio Superiore della Magistratura e l’UNAR (l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’Accordo vuole promuovere attività di sensibilizzazione, formazione e studio tra gli studenti.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Azzolina, la Lega attacca per la tesi copiata. Salvini: "Si vergogni e vada a casa". La replica: "Non ha mai studiato"

Next Article

“Comunica l’Europa che vorresti”, al via il concorso nazionale per gli studenti

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident