Settimana Horizon Europe 2021 al via con un programma per la ricerca e l’innovazione

Arrivano gli Info day nazionali 2021 dedicati ai singoli temi e bandi del programma Horizon Europe e organizzati da APRE in accordo con il MUR.

Dopo la giornata Nazionale di lancio di Horizon Europe, avvenuta lo scorso 25 maggio 2021, arrivano gli info day, la “cinque giorni italiana” di sessioni informative, approfondimenti e interazioni del programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione.

La formula degli info day 2021 prevede ventiquattro sessioni on line per cinque giorni con focus dedicati a:

·         Ricerca e Innovazione

·         Programmi Horizon Europe

·         Aspetti di interesse comune come l’etica, l’impatto, la valorizzazione dei risultati della ricerca

La Settimana Horizon Europe si svolge a valle degli eventi della Commissione europea, per portare all’attenzione della nostra comunità, grazie a una continua interazione con il pubblico che seguirà gli eventi, gli elementi più salienti a livello nazionale.

Chi può partecipare

La partecipazione agli eventi della Settimana Horizon Europe 2021 è gratuita e aperta a tutti gli attori, pubblici e privati, impegnati nelle diverse fasi della catena del valore “ricerca-innovazione”: ricercatori, docenti, imprenditori, associazioni, finanziatori, decisori politici, divulgatori, cittadini.

Per partecipare

La Settimana Horizon Europe 2021 si svolge on line dal 12 al 16 luglio. La partecipazione è gratuita previa registrazione attraverso il modulo predisposto al seguente link.

Per tutte le informazioni necessarie è possibile consultare il sito di APRE alla sezione dedicata agli info days 2021

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, riapertura a settembre: indispensabile agire ora. Solo il 14% non è vaccinato

Next Article

Aumentano le borse di specializzazione in medicina: sono 17.400 quelle finanziate

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale