Sesso in auto? A Napoli arriva “Il Parco dell’Amore”!

sesso_in_auto

AMORE DI COPPIA – Quando arrivi al cancello, Riccardo e Daniele ti accolgono con un sorriso. Ecco a voi il parco dell’Amore, “La Parada del Amor”, luogo romantico (?) per appostamenti notturni delle coppiette.

L’idea è esplosa nella mente di due fratelli di Giugliano, nel napoletano, di 32 e 37 anni. Per evitare gli oramai famosi atti osceni in luogo pubblico si sono inventati un parco con tanto di boxino personale dove le coppiette possono trascorrere le loro nottate di passione in completa tranquillità all’ombra della solfatara di Pozzuoli (NA).

Il costo? 5 euro per due ore, più 1 euro e 50 per le successive frazioni di mezz’ora. All’entrata, una volta varcato il cancello e scelto il boxino personale, la coppietta riceve in dono un pratico sacchettino con all’interno un preservativo e un volantino con tutte le informazioni sui pericoli portati dall’AIDS.

Gli orari? Il Parco dell’Amore è aperto tutti i giorni, escluso il martedì, dalle 18 alle 2, dal venerdì alla domenica dalle 18 alle 4 del mattino. “Il nostro obiettivo è quello di garantire alle coppie sicurezza, privacy, e di evitare atti osceni in luogo pubblico” – ha dichiarato Daniele a Cronacaflegrea. “Avevamo questa idea da tempo. Poi abbiamo trovato a disposizione questo terreno: anche l’anziano proprietario era d’accordo!”.

Che dire, dal 29 maggio, giorno dell’inaugurazione, le giovani coppie napoletane avranno un’occasione in più per trascorrere le loro serate. La domanda, comunque, sorge spontanea. Chissà se i due gestori avranno pensato a costruire i boxini con materiale insonorizzato…

RN

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

MIUR, Carrozza firma le deleghe: ecco tutti i sottosegretari

Next Article

Perchè smettere di fumare è tanto difficile

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".