Servizio Civile Internazionale, campi di volontariato e non solo

Hai mai pensato di trascorrere dalle due alle quattro settimane in un paese del Nord o del Sud del mondo? Vivere un’esperienza di condivisione con le comunità locali, entrare in contatto con culture, lingue, tradizioni diverse? O magari fare un’esperienza di lungo termine in un Paese europeo?

Hai mai pensato di trascorrere dalle due alle quattro settimane in un paese del Nord o del Sud del mondo? Vivere un’esperienza di condivisione con le comunità locali, entrare in contatto con culture, lingue, tradizioni diverse? O magari fare un’esperienza di lungo termine in un Paese europeo? Lo SCI, – Servizio Civile Internazionale- movimento laico di volontariato presente in circa 60 paesi in tutto il mondo, realizza da più di 90 anni campi di volontariato in Italia e all’estero.

I campi sono il principale strumento attraverso cui giovani, adulti e famiglie possono vivere un’esperienza di volontariato in un contesto internazionale, per contribuire concretamente a cambiare situazioni di disuguaglianza, ingiustizia, degrado e violazione dei diritti umani a livello globale. I campi nel Nord e nel Sud approfondiscono tematiche di diverso tipo: attività con i rifugiati, progetti ambientali,  disabilità, inclusione sociale. Per i campi nel Sud del mondo sono previsti weekend di formazione obbligatori: i prossimi incontri si terranno a Milano (30 aprile/1 maggio) a Roma (7/8 maggio) a Torino (7/8 maggio) e a Napoli (14/15 maggio).

Anche quest’anno, nell’anno Europeo del volontariato, lo SCI promuove diversi campi speciali ispirati ai principi dell’associazione. È il caso dei “No more war camps” che prevedono una parte studio sulla risoluzione nonviolenta dei conflitti, dei “Green camps” con attività e parte studio sulla tematica degli stili di vita sostenibili, dei campi destinati al sostegno di soggetti con minori opportunità e di quelli aperti anche alla partecipazione di famiglie. Lo SCI Italia è, inoltre, da diversi anni organizzazione di invio e accoglienza SVE (Servizio Volontario Europeo) e realizza annualmente diversi progetti Youth in Action. Inoltre, invia volontari LTV (Long Term Volunteer) nelle altre branche SCI in Europa e nel mondo. Quest’anno, per promuovere e sostenere il referendum per la ripubblicizzazione dell’acqua, 1€ della quota di iscrizione ai campi sarà destinata al sostegno della campagna “2 Sì per l’acqua bene comune”. Per informazioni e iscrizioni ai campi nel Nord del mondo in Italia: [email protected], all’estero: [email protected]; per informazioni sui campi nel Sud del mondo:  [email protected]; per informazioni e iscrizioni ai progetti SVE e LTV: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, anima dell’università

Next Article

Giovani, un rimedio per arginare il fenomeno dell’alcol

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.