Sequestrati migliaia di pastelli in tutta Italia: sono cancerogeni e possono causare disturbi mentali nei bambini

pastelli

Pastelli cancerogeni – La Guardia di Finanza di Trento ha sequestrato 140 mila pastelli nocivi alla salute. Nell’operazione denominata “Scuola sicura” le Fiamme Gialle hanno sequestrato il prodotto proveniente dalla Cina e commercializzato in 800 punti vendita di tutto il paese. I pastelli erano destinati ai ragazzi e ai bambini di età pre-scolare.

Le analisi di laboratorio hanno rivelato che la superficie esterna dei pastelli fluorescenti è intrisa di ftalati di tipo DEHP per un valore 3 volte superiore a quello consentito. Una sostanza che, secondo la letteratura medica, produce effetti cancerogeni analoghi a quelli di un ormone estrogenante, ossia disturbi nello sviluppo dell’apparato riproduttivo maschile e danni al fegato, ai reni ed ai polmoni oltre a possibili ulteriori effetti di ritardo nello sviluppo mentale dei neonati.

A settembre, all’inizio del nuovo anno scolastico, la Guardia di finanza di Trento ha avviato una serie di controlli sui prodotti destinati al mercato della scuola. Sugli scaffali di diversi supermercati del Trentino, sono stati trovati migliaia di pastelli di produzione cinese privi del marchio CE di sicurezza, reclamizzati anche su un volantino promozionale di tre grandi catene distributive italiane.

Il titolare della società emiliana che ha importato il prodotto dalla Cina è stato denunciato per aver violato la legge sulla sicurezza dei giocattoli e rischia ora la reclusione per un massimo di un anno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tragedia a Trieste: studente universitario suicida

Next Article

Laurea ad Honorem per Fabio Volo: e' polemica

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.