Laurea ad Honorem per Fabio Volo: e’ polemica

Fabio Volo
Lo scrittore, autore e attore Fabio Volo

 

“Mi ha chiamato un rettore: vogliono darmi una Laurea ad Honorem per i miei libri e per la radio”. Un fulmine a ciel sereno. Fabio Volo affida a Twitter il suo messaggio al mondo con cui comunica la volontà di una Università italiana di volergli conferire una importante onorificenza.

Fabio Volo, nome d’arte di Fabio Bonetti, si è distinto nei vari campi dei media italiani; ha da prima raggiunto il successo in radio e in televisione per poi farsi un nome anche nel mondo del cinema e soprattutto nel campo letterario: nel 2011 i suoi romanzi sono infatti arrivati a vendere oltre 5 milioni di copie nella sola Italia.

Non si sono fatte attendere le risposte da parte del popolo di Twitter: “Ringrazia la riforma universitaria, è solo marketing zio” – scrive Zeropregi. “Laureee ad Honorem e marchette pseudo culturali: segno del decadimento culturale dell’università italiana” -commenta Francesco Romeo. “Il livello sta sprofondando ampiamente sotto lo zero” – scrive Niccolò.

Secondo il dettato dell’art. 169 del testo unico approvato con regio decreto 1592/1933, la Laurea ad Honorem può essere conferita soltanto a persone che, per opere compiute o pubblicazioni fatte, siano venute in meritata fama di singolare perizia nelle discipline della Facoltà per cui è concessa.

Lauree ad Honorem sono state attribuite al cantautore Vasco Rossi dalla Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano, al conduttore di programmi televisiviMichele Mirabella dall’Università di Ferrara, al motociclista Valentino Rossi dall’Università di Urbino e alla cantautrice Ivana Spagna dall’Università di Malta.

Lo scrittore, comunque, non ha ancora sciolto le riserve. “Non so se accettare – scrive. Comunque grazie”.

Tweet Fabio Volo

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sequestrati migliaia di pastelli in tutta Italia: sono cancerogeni e possono causare disturbi mentali nei bambini

Next Article

Ministero di Giustizia: concorso per l'assunzione di 365 magistrati

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".