Tragedia a Trieste: studente universitario suicida

studente universitario suicida

Ha atteso sui binari il convoglio regionale Trieste-Venezia. Sono ancora da chiarire i motivi che hanno spinto al tragico gesto un giovane studente universitario di Monfalcone, che ha perso la vita in un incidente nel tardo pomeriggio di domenica.

Gli uomini della Polizia Ferroviaria hanno avviato le indagini per spiegare i motivi che avrebbero spinto il ragazzo ad un gesto simile. Il ragazzo era molto conosciuto a Trieste, dove aveva frequentato per mesi gli scout, prima di diplomarsi nel luglio scorso all’Isis Brignoli-Einaudi-Marconi.

“Andava d’accordo con tutti, niente invidie o screzi con gli amici, ma solo goliardate tipiche della spensieratezza dell’età” – raccontano i conoscenti. Era considerato da sempre un bravissimo studente, riempiendo d’orgoglio la famiglia. Non a caso aveva ottenuto il diploma con il massimo dei voti. Si era iscritto all’Università di Trieste: voleva diventare ingegnere informatico.

“Era un ragazzo in gamba – dice uno dei suoi professori al Piccolo– sono frastornato. Non ci sono parole. Una tragedia assurda”.

Una tragedia senza spiegazioni, che scuote la comunità. Una limpida fermezza nella volontà del ragazzo, senza possibilità di tornare indietro. Una decisione già presa, e irreprensibile: il ragazzo si è diretto in un luogo isolato, nei pressi del bivio di Aurisina, e si è steso lungo i binari, attendendo il passaggio del treno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Polemica sui Pas: le Università minacciano di non attivarli

Next Article

Sequestrati migliaia di pastelli in tutta Italia: sono cancerogeni e possono causare disturbi mentali nei bambini

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.