Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse dell’UE

erasmus +

Erasmus+, il nuovo programma europeo per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport, il cui avvio è previsto a gennaio, è stato approvato oggi dal Parlamento europeo. Finalizzato a promuovere le competenze e l’occupabilità e a sostenere la modernizzazione dei sistemi d’istruzione, formazione e destinati ai giovani, il programma, della durata di sette anni, avrà una dotazione di bilancio di 14,7 miliardi di EUR[1], con un aumento del 40% rispetto ai livelli attuali. Più di 4 milioni di persone riceveranno un sostegno per studiare, formarsi, lavorare o fare attività di volontariato all’estero, tra cui 2 milioni di studenti dell’istruzione superiore, 650 000 studenti della formazione professionale e apprendisti oltre a 500 000 persone partecipanti a scambi giovanili o attività di volontariato all’estero. Gli studenti che prevedono di seguire un corso integrale di laurea magistrale all’estero, per i quali sono raramente disponibili prestiti o borse nazionali, potranno avvalersi di un nuovo sistema di garanzia dei prestiti gestito dal Fondo europeo per gli investimenti. Erasmus+ erogherà inoltre finanziamenti per l’istruzione e la formazione del personale e degli animatori giovanili nonché per partenariati tra università, college, scuole, imprese e organizzazioni non profit.

Sono lieta che il Parlamento europeo abbia adottato Erasmus+ e sono orgogliosa per il fatto che siamo riusciti ad ottenere un aumento del 40% del bilancio del programma rispetto ai programmi attuali. Questo dimostra l’impegno dell’UE nei confronti dell’istruzione e della formazione. Erasmus+ contribuirà inoltre alla lotta contro la disoccupazione giovanile offrendo ai giovani l’opportunità di accrescere il loro bagaglio di conoscenze e competenze grazie a un’esperienza all’estero. Oltre a fornire borse a singole persone Erasmus+ patrocinerà i partenariati per aiutare i giovani a passare dal mondo dell’istruzione a quello del lavoro e incoraggerà le riforme per modernizzare e migliorare la qualità dell’istruzione negli Stati membri. Questo è un aspetto essenziale se vogliamo dotare i nostri giovani delle qualifiche e abilità di cui hanno bisogno per riuscire nella vita” ha affermato Androulla Vassiliou, Commissaria responsabile per l’Istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù.

Erasmus+ ha tre obiettivi principali: due terzi del bilancio sono destinati alle opportunità di studio all’estero per i singoli individui, nell’UE e nel resto del mondo, il resto andrà a sostegno dei partenariati tra le istituzioni d’istruzione, le organizzazioni giovanili, le imprese, le autorità locali e regionali e le ONG oltre ad incoraggiare le riforme per ammodernare l’istruzione e la formazione e promuovere l’innovazione, l’imprenditorialità e l’occupabilità.

Il nuovo programma Erasmus+ combina tutti gli attuali programmi dell’UE nel campo dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport compreso il programma di apprendimento permanente (Erasmus, Leonardo da Vinci, Comenius, Grundtvig), Gioventù in azione e cinque programmi di cooperazione internazionale (Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink e il programma di cooperazione con i paesi industrializzati). Sarà più facile per i cittadini chiarirsi le idee sulle opportunità disponibili e saranno apportate anche altre semplificazioni per facilitare ulteriormente l’accesso al programma.

 

Erasmus+: quali sono i beneficiari?

– 2 milioni di studenti dell’istruzione superiore potranno studiare o formarsi all’estero, compresi 450 000 tirocini;

– 650 000 studenti dell’istruzione professionale e apprendisti riceveranno borse di studio per studiare, formarsi o lavorare all’estero;

– 800 000 insegnanti, lettori, formatori, educatori e giovani lavoratori potranno insegnare o formarsi all’estero;

– 200 000 studenti che intendano completare un corso di laurea magistrale all’estero beneficeranno di garanzie sui prestiti;

– oltre 500 000 giovani potranno fare attività di volontariato all’estero o partecipare a scambi giovanili;

– oltre 25 000 studenti riceveranno borse per corsi di laurea magistrale congiunti che comportano lo studio in almeno due istituzioni d’istruzione estere;

– 125 000 scuole, istituzioni d’istruzione e formazione professionale, istituzioni d’istruzione superiore e per adulti, organizzazioni giovanili e imprese riceveranno finanziamenti per costituire 25 000 “partenariati strategici” al fine di promuovere gli scambi di esperienze e i contatti con il mondo del lavoro;

– 3 500 istituzioni educative e imprese riceveranno un sostegno per creare più di 300 “alleanze della conoscenza” e “alleanze delle abilità settoriali” per promuovere l’occupabilità, l’innovazione e l’imprenditorialità;

– 600 partenariati nel campo dello sport, tra cui eventi europei non profit, riceveranno anch’essi un finanziamento.

Contesto

Si stima che nel periodo 2007-2013 oltre 2 700 000 persone abbiano beneficiato di borse UE per compiere periodi di studio, formazione, esperienze lavorative e volontariato all’estero nell’ambito dei programmi per l’apprendimento permanente e Gioventù in azione. Con 220 000 borsisti l’Italia si colloca al quarto posto a livello di UE per numero di adesioni, dopo Germania (382 000), Spagna (346 000) e Francia (331 000).

Erasmus+ viene avviato in un momento in cui nell’UE quasi 6 milioni di giovani sono disoccupati, con livelli che in Spagna e in Grecia superano il 50%. Allo stesso tempo si registrano 2 milioni di posti di lavoro vacanti e un terzo dei datori di lavoro segnala difficoltà ad assumere personale con le qualifiche richieste, il che dimostra il sussistere di importanti deficit di competenze in Europa. Erasmus+ affronterà questi deficit fornendo opportunità di studio, formazione e di fare esperienze all’estero.

Nel contempo la qualità e la pertinenza dell’istruzione, della formazione e dei sistemi giovanili europei verranno incrementate sostenendo lo sviluppo professionale del personale educativo e degli animatori giovanili e grazie alla cooperazione tra il mondo dell’istruzione e quello del lavoro.

La mobilità degli studenti e degli apprendisti promuoverà anche la mobilità dei lavoratori tra gli Stati membri, perché è più probabile che chi ha già svolto un corso di studi o di formazione in un altro paese sia poi propenso a lavorare all’estero.

Il bilancio di 14,7 miliardi di EUR tiene conto delle stime future relative all’inflazione. Dovrebbero essere stanziati finanziamenti ulteriori per la mobilità nel campo dell’istruzione superiore e per il capacity building con il coinvolgimento di paesi extra-UE; la decisione in merito a questo bilancio addizionale non è prevista prima del 2014.

Erasmus+ comprende, per la prima volta, una linea di bilancio specifica per lo sport. Saranno stanziati circa 265 milioni di EUR nell’arco di sette anni per contribuire a sviluppare la dimensione europea dello sport e contrastare il diffondersi a livello internazionale di pratiche illecite come le partite truccate e il doping. Saranno inoltre sostenuti progetti transnazionali cui partecipano organizzazioni attive nello sport di base, promuovendo ad esempio l’inclusione sociale, la parità di genere e l’attività fisica per cittadini di tutte le età.

I prossimi passi

La proposta è stata adottata oggi dal Parlamento europeo. Il Consiglio (costituito dagli Stati membri) dovrebbe approvarla nei prossimi mesi. Il programma Erasmus+ prenderà il via nel gennaio 2014.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il 48% dei giovani italiani si dichiara pronto ad andare all'estero per trovare lavoro

Next Article

Il Ministero scommette su 85 mila nuove assunzioni

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".