Secondo torneo di dodgeball a Roma Tre

L’Ufficio Iniziative Sportive dell’Università Roma Tre organizza per martedì 6 marzo il secondo torneo di dodgeball.

La neve di inizio febbraio lo ha solo rimandato e ora si fa. Dopo il successo della precedente competizione (novembre 2011), l’Ufficio Iniziative Sportive dell’Università Roma Tre organizza per martedì 6 marzo 2012 alle ore 16,30 presso la palestra dell’Istituto Colonna (via Salvatore Pincherle 201, Roma) il secondo torneo di dodgeball, aperto a studenti e personale d’Ateneo. Scadenza per l’iscrizione (gratuita): venerdì 2 marzo 2012.

In Italia questo sport (letteralmente, “palla schivata”) è stato reso popolare qualche anno fa grazie al film americano “Palle al balzo”, ma da noi era già conosciuto con la denominazione di “palla avvelenata”. Si tratta di un gioco di squadra che negli ultimi anni ha segnato una crescita esponenziale in termini di adepti e di pubblico. Il primo campionato vero e proprio di dodgeball in Italia ha avuto luogo a Ravenna nel 2007/8. La città adriatica è inoltre sede del relativo Centro Sportivo Italiano, che vanta oggi centinaia di tesserati. Tornei CSI di dodgeball si sono svolti in questi anni a Torino, Napoli, Ancona e sulla riviera romagnola, dove la disciplina si è trasformata anche in beach dodgeball. Il successo della “palla schivata” ha determinato nel 2009/10 l’esistenza di due campionati, uno CSI e l’altro UISP (Unione Italiana Sport Per Tutti).

Roma Tre è il primo ateneo romano ad aver compreso il potenziale aggregativo e sportivo in senso stretto del dodgeball, mostrandosi aperta a ogni novità che possa avere una ricaduta sociale. In questo caso, nel mondo dello sport.

fonte: comunicato stampa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sapienza, 165mila studenti interconessi con Google Apps

Next Article

Firenze. Una parete diventa bacheca, il disagio dei passanti

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.