Se l'ateneo made in Italy non "tira"

flagsworld.jpgValigie pronte, libri in mano e computer in spalla. Ma la destinazione non è quasi mai l’Italia. Quando il viaggio è di studio gli studenti optano per altri paesi europei. Perché se il Belpaese attrae per l’arte e l’antica cultura, non ha lo stesso effetto l’università made in Italy: poco moderna, male strutturata e ancora troppo provinciale.
Così il nostro paese resta lontano dai flussi delle migrazioni universitarie e gli stranieri che si trasferiscono da noi sono il 2% contro l’11% degli atenei d’Europa. Pronti a viaggiare gli universitari in movimento in tutto il mondo nei primi sei anni del millennio sono stati 2 milioni e 700mila. Un esercito partito prevalentemente dai Paesi emergenti come Cina e India e diretto negli Stati Uniti, in Francia, Gran Bretagna e Germania alla ricerca di una formazione eccellente e di nuove opportunità di lavoro.
Ma il lavoro in Italia tarda ad arrivare così il nostro paese cede all’estero i suoi migliori talenti e fatica ad attrarre capitale umano dagli altri paesi. A ricordarcelo è l’ultimo rapporto Ocse: fino al 2006 eravamo gli unici in ambito Ocse con un saldo negativo tra studenti in entrata e studenti in uscita. Attualmente siamo in positivo di 8.000 unità, ma sempre ultimi, distanziati dalla Spagna che ne ha 24mila, da Francia, Germania e Gran Bretagna che hanno dai 200 ai 300mila studenti in più rispetto a quelli che lasciano il paese d’origine.
Anche negli States il 50% dei brevetti prodotti è opera di studenti immigrati. In questa speciale classifica della mobilità scientifica, l’Italia si colloca agli ultimi posti. Nessun ateneo italiano è tra i cento migliori al mondo nelle graduatorie internazionali come la famosa “Academic Ranking of World Universities” di Shangai.
I conti, poi, sono subito fatti: in rapporto alla popolazione, l’Italia attrae un quarto meno della Spagna, tre volte meno della Germania, quattro meno della Francia e circa sette volte meno del Regno Unito. Gli studenti stranieri che si trasferiscono da noi sono il 2% contro l’11% degli atenei d’oltrealpe e il 17% di quelli britannici.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Univaq, filo diretto con le matricole

Next Article

400 posti in tutta Italia con PWC

Related Posts
Leggi di più

Sostenibilità urbana, l’intervista all’architetto Mario Cucinella

Architetto e designer di fama internazionale alla guida dello Studio MCA - Mario Cucinella Architects, studio specializzato nella progettazione architettonica che integra strategie ambientali ed energetiche e fondatore di SOS - School of Sustainability, un master per la formazione di nuove figure professionali nel campo della progettazione sostenibile