Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di venerdì 25 settembre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
ACCORDO SULL’APPRENDISTATO – La Conferenza Stato-Regioni dà l’ok alle nuove sperimentazioni previste dal jobs act: più ore in azienda. L’approfondimento di Claudio Tucci sul Sole 24 Ore.
VIETATO IL SALTO DI CLASSE, “MI HANNO VOLUTO PUNIRE” – Paolo, 14 anni, racconta in un’intervista a Repubblica il suo caso. “Finivo i compiti prima di tutti e in classe mi annoiavo. Ora studio di studiare all’estero”.
ECCO I MILLENIANS – Sulla Gazzetta dello Sport un approfondimento sui nuovi giovani sempre connessi: sui social o nelle chat 11,2 milioni di ragazzi almeno un’ora al giorno.
BUFERA SUL SINDACO SENZA LAUREA – A Treviglio il sindaco Pezzoni indagato per truffa e falso. All’appello mancherebbero anche 4 esami universitari. Intanto, martedì è previsto il consiglio comunale.
PREMI AI PROF MIGLIORI VOTATI DAGLI STUDENTI – Al Politecnico di Bari prove di meritocrazia. Gli studenti hanno votato i professori migliori grazie ad un questionario anonimo. E il rettore ha deciso di premiare i prof più efficienti. Un modello da estendere?
TASSE UNIVERSITARIE SEMPRE PIU’ CARE – Andare all’università costa sempre di più. Sono i dati del rapporto Federconsumatori: al Nord le tasse più alte, la più economica – invece- è Bologna.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

MIUR: 90 mln di euro per il Wi-Fi nelle scuole

Next Article

Diritto allo Studio: mobilitazione nazionale lunedì 28 settembre

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"