Scuola, piano straordinario Miur per la riapertura a settembre: ecco i nodi da sciogliere

L’obiettivo è quello di riportare in classe 8 milioni e mezzo di studenti a settembre. Un articolo di Corrado Zunino su ‘Repubblica’ parla della riapertura della scuola a settembre. Se da una parte la didattica a distanza può essere considerata un’iniziativa lodevole, come ribadito dal ministro Azzolina, dall’altra si è consapevoli che la DAD non può bastare.

Scuola, piano straordinario per la ripartenza a settembre

Il mondo della scuola chiede un piano straordinario per il ritorno in classe a settembre. Le ipotesi che vengono avanzate sono quelle dei turni in classe di mattina e di pomeriggio (dove non si può lezioni miste in classe e a casa), utilizzo del sabato per la didattica, cantieri aperti in estate per recuperare classi ed edifici che hanno bisogno di interventi non strutturali. Tre miliardi, la spesa prevista.
Il sottosegretario al Miur, Giuseppe De Cristofaro, ha sottolineato come la ‘didattica a distanza’ non può bastare, oltre a ricordare le parole del presidente del CSS, Locatelli (‘Si deve riaprire a settembre’).

Miur, task force e cronoprogramma da qui a settembre

Il Ministero dell’Istruzione deve inserire una task force e indicare un cronoprogramma per i prossimi 4 mesi e mezzo, da qui a settembre. ‘Bisogna fare tutti gli sforzi per riportare in classe docenti e discenti – ha dichiarato De Cristofaro – la DAD ha colmato il vuoto ma finisce per amplificare le disuguaglianze che già esistono. È il momento di trovare 3 miliardi per la scuola italiana e portare a casa i concorsi avviati con un percorso rapido che guardi a chi insegna già’.
Tre miliardi come quelli della riforma Buona Scuola renziana, Fioramonti non riuscì nemmeno ad arrivare a due e diede le dimissioni.

Flc-Cgil: ‘Si dovrà investire sul rinnovo del contratto e sull’aumento in busta paga’

Francesco Sinopoli, segretario di Flc-Cgil, sottolinea che si dovrà investire sul rinnovo di contratto e sull’aumento in busta paga perché ‘già sappiamo che i carichi di questa rinascita peseranno sulle spalle dei docenti, sottopagati. Ad oggi non sappiamo nulla – prosegue Sinopoli – quale organizzazione didattica ci sarà, per quale ciclo scolastico, quale investimento sulla sanificazione degli istituti e sui dispositivi di sicurezza. La ministra con noi non parla di questo.’

scuolainforma

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un viaggio virtuale, una lezione reale La Fondazione Pirelli fa scuola

Next Article

Tim lancia Maestri d’Italia, la scuola online per favorire la diffusione delle competenze digitali

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.