Scuola, insulti omofobi a studente nel gruppo whatsapp di classe

La discriminazione si combatte prima di tutto nelle scuole, eppure spesso sono il luogo in cui  tale pratica viene perpetrata. È stato così per uno studente del liceo Galilei di Perugia, attaccato con insulti omofobi nella chat whatsapp di classe. Le parole, alla mercé degli altri compagni, sono state pronunciate da un altro studente; ora la vittima, reo di essersi presentato alle elezioni studentesche dell’istituto perugino, sta vagliando la denuncia alle autorità.
«Come studenti e come persone non possiamo accettare questo genere di offese gratuite ed inutili nel luogo dove si dovrebbero formare le nuove generazioni al rispetto reciproco, alla diversità e all’agire democratico – dichiara Luigi Leone Chiapparino, coordinatore di Altrascuola – Rete degli studenti medi Umbria – Abbiamo un’altra idea di cosa significhi rappresentanza, e non comprende niente di tutto ciò.»
“Quanto accaduto ci amareggia e ci preoccupa – dichiara Lorenzo Ermenegildi Zurlo, dell’associazione Omphalos LGBTI – Questo è il chiaro sintomo di un sistema scuola che ha ancora bisogno di interventi mirati per la rimozione delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e chiediamo che il dirigente scolastico si muova in questa direzione. Inoltre – conclude Zurlo- forniremo assistenza legale per eventuali azioni qualora tali manifestazioni di intolleranza dovessero reiterarsi in futuro»

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, cade dalla tromba delle scale a scuola: morto ragazzo di 13 anni

Next Article

Welcomefest: immersione nella university life inglese

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.