Scuola. Dirigenti a bassa quota

Un nuovo anno decisamente nero quello che si prospetta per i presidi. Con un vertiginoso taglio del 22%, si tocca quota 7.990, ben 2.221 posti in meno per i dirigenti scolastici. La brutta nuova viene dalla manovra Gelmini – Tremonti che ha portato al ridimensionamento di 1.080 scuole.

Un nuovo anno decisamente nero quello che si prospetta per i presidi. Con un vertiginoso taglio del 22%, si tocca quota 7.990, ben 2.221 posti in meno per i dirigenti scolastici. La brutta nuova viene dalla manovra Gelmini – Tremonti che ha portato al ridimensionamento di 1.080 scuole.

I tagli andranno naturalmente ad intaccare il concorso pubblico per 2.386 nuovi posti da dirigente, infatti quasi la metà dei vincitori tornerà a casa mani vuote senza riuscire ad essere assunto il 1° settembre.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Londra 2012, stasera l'apertura

Next Article

In sella a Napoli

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.