Scuola Bologna, il liceo Copernico diventa eco-sostenibile: borracce per tutti

Sempre più le scuole sono sensibili alle problematiche ambientali, su spinta anche degli studenti che scendono in piazza con Greta per il clima, Dunque, raccolta differenziata, incontri con esperti, pannelli solari. E così il liceo scientifico Copernico che oggi ha distribuito ai docenti una borraccia di alluminio come simbolo di impegno nei confronti dell’ambiente. Le borracce saranno offerte anche al personale amministrativo, ai bidelli e agli studenti.
Un gesto concreto, che parte dalle richieste degli stessi studenti. La boccaccia, spiega la preside Fernanda Vaccari, è “il simbolo di impegno nei confronti dell’ambiente”. La cerimonia di consegna delle borracce con lo slogan “Save the Ocean” Liceo Copernico, il più votato tra i loghi ideati dagli studenti, si è svolta alla presenza dell’assessore Aitini, di rapresentanti di Hera, Cnr, Città metropolitana, del quartiere San Donato e dell’ufficio scolastico.
Il liceo ha avanzato proposte per limitare il consumo energetico della Scuola: migliore coibentazione delle finestre, chiusura automatica delle port), la riattivazione dei pannelli fotovoltaici sul tetto, e soprattutto la possibilità di poter ricaricare le borracce con l’acqua della rete idrica comunale attraverso fontanelle interne alla scuola e torrette refrigerate per il periodo caldo.
Assieme al Cnr è stato anche effettuato uno studio sulla qualità dell’aria nella scuola oltre che progetti europei sul riciclo e studio degli elementi rari che hanno premiato a Bruxelles alcuni studenti meritevoli. Inoltre il Copernico è impegnato in progetti internazionali su tematiche di carattere scientifico ambientale in collaborazione con una Scuola superiore di Boston. “Da queste sperimentazioni potranno emergere nuove figure professionali e nuove strategie per affrontare le sfide future – spieha la dirigente – Solo con un buon lavoro di squadra di tutti gli organi competenti si possono raggiungere risultati di efficienza e risparmio sia energetico che economico: stiamo dando un buon esempio ai nostri studenti che ci osservano con attenzione”.
bologna.repubblica

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, sui concorsi è rottura tra sindacati e Miur: "Mobilitazione"

Next Article

Studente rischia di morire a scuola, salvato grazie al defibrillatore

Related Posts
Leggi di più

Milano, supplenti rifiutano l’incarico: è emergenza

Per asili ed elementari è scattata la chiamata diretta dai presidi. Alle scuole secondarie superiori i problemi maggiori, con rinunce anche all’ultimo minuto. La scuola non è più sempre di più un parcheggio lavorativo?