Scuola, arrivano i banchi digitali “intelligenti”

banchi digitali

La scuola 2.o diventa realtà: arrivano i banchi intelligenti. L’obiettivo e’ zero zainetti e virtualizzare il materiale scolastico con il supporto di mini-computer grandi quanto un pacchetto di sigarette.

Il nuovo progetto Ict vede gia’ coinvolti cinque Istituti Professionali italiani, uno di Trapani, uno di Palermo e tre di Roma, dove saranno sperimentati presto i primi prototipi. Si tratta di banchi informatizzati, piattaforme versatili, funzionali e a bassissimo costo, capaci di sostituire libri e quaderni.

A lanciare la didattica del futuro e’ il progetto ‘Virtual desktop infrastructure’ realizzato da AlmavivA.

Obiettivo del Nsi (Network Scuola Impresa ndr), avviato cinque anni fa e che ha il patrocinio del Miur, e’ di creare un network pubblico-privato tra aziende innovative e istituti di scuola secondaria sull’intero territorio nazionale, per portare le tecnologie emergenti nelle aule italiane.

Il banco intelligente e’ costituito da uno schermo lcd touch collegato con un mini-computer, prodotto da una societa’ inglese, della dimensione del palmo di una mano. L’architettura di questi mini-computer, veri cervelli del banco informatizzato, e’ ‘open source’ e permette quindi agli studenti oltre che di utilizzarlo come un normale Pc, di personalizzarne anche il codice creando infinite possibili applicazioni.

I contenuti della didattica vengono caricati tramite chiavette Usb. I mini computer sono inoltre collegabili in rete verso un maxi computer per consentire operazioni piu’ complesse e i contenuti realizzati da studenti e professori possono essere erogati in modalita’ ‘cloud’.

“E’ un progetto estremamente innovativo che ci rende molto orgogliosi” sottolinea Gianfranco Previtera, Direttore Commerciale AlmavivA. “L’applicazione dei computer open source al mondo della scuola -aggiunge Previtera- consentira’ anche di fornire alle nuove generazioni una base comune di conoscenza degli elementi di programmazione che diventeranno indispensabili per affrontare il mondo del lavoro”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'allarme: droga e alcol contro l'eiaculazione precoce

Next Article

Robbie, presidente Usa a 10 anni

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident